Instagram Twitter Facebook Vimeo Youtube
Home » Articoli » Etica nell’utilizzo del bastoncino da trailrunning

Etica nell’utilizzo del bastoncino da trailrunning

Affrontare questo argomento è come muoversi su un campo disseminato di ordigni esplosivi !!

Leggendo nei vari forum sparsi nel web, questa spinosa materia ha fatto veramente impazzire i suoi sostenitori e i suoi oppositori.

Quindi… cerchiamo di mettere un po’ di ordine nelle mie idee confuse e disordinate;

  • in primis vorrei sostenere la bandiera del “i bastoncini da trailrunning, non sono un arma” !!

Detto questo non si può certo sostenere che sia tutto permesso, o meglio un certo galateo bisognerebbe adottarlo.

Nelle gare, specialmente in quelle più lunghe, i bastoncini vengono utilizzati di sovente, con buona pace di tutti, che invece non ne vorrebbero neppure sentir parlare.

Il bon ton  dovrebbe essere in prima linea, per garantire un minimo di sicurezza e quindi sia il “portatore” sia l’atleta “libero” dovranno adottare alcune semplici regole di buon senso e di convivenza:

  • l’atleta che utilizza i bastoncini non dovrebbe mai “sventolarli” come fossero delle sciabole al vento, soprattutto nella direzione posteriore, potrebbero veramente creare dei seri pericoli, per via dei terminali di metallo di alcuni modelli.
  • nello stesso tempo l’atleta inseguitore, dovrebbe mantenersi ad una distanza di sicurezza, non inveendo contro l’utilizzatore, in quanto non può vedere o prevedere di essere stato raggiunto a distanza ravvicinata da un altro atleta, quindi in fase di sorpasso basterà semplicemente chiedere permesso e vedrete che i bastoncini verranno messi in posizione di sicurezza per permettervi il sorpasso.

Ma quali sono le posizioni di sicurezza per far si che non possano ferire nessuno ?

  • Per chi li sta utilizzando in salita, dovrebbe aver acquisito  tecniche tali da permettere un movimento  non oscillatorio, ma esclusivamente di spinta; quindi l’inseguitore dovrebbe essere abbastanza tranquillo. Ma attenzione, nei terreni rocciosi il bastoncino nella fase di spinta potrebbe scivolare all’indietro e quindi creare un vero e proprio pericolo, ma come già detto in precedenza, se si terranno le distanze di sicurezza adeguate, non dovrebbero crearsi grossi problemi.
  • In pianura o in discesa, alcuni non li utilizzano, ma li trasportano orizzontalmente rispetto al copro… sbagliato !! I bastoncini nella fase della corsa in discesa dovrebbero seguire verticalmente il proprio corpo, senza allungare posteriormente la parte della punta, o perlomeno se proprio tale posizione creasse disagio,  impugniamoli presentando posteriormente l’impugnatura.

Altra situazione che crea dissapori e malcontenti è la partenza. Ci si augura che nel parterre della gara, nella foga agonistica, i bastoncini non vengano utilizzati, a meno che non si tratti di un chilometro verticale che nella maggior parte dei casi parte subito in salita. Ma nelle partenze in linea affollate in pianura, non dovrebbero essere proprio impiegati, sono assolutamente inutili !!!

Pazientando un pochino, aspettando che si crei il giusto spazio, si potranno sfoderare in seguito, quindi anche in questo caso si spera nel buonsenso e nella buona educazione delle persone.

Mi sembra di aver descritto quasi tutte le situazioni che generano discussioni, ma sicuramente qualcosa mi sarà sfuggito… quindi sotto a chi avesse voglia di integrare questo mio post, sono ben accetti commenti ed osservazioni in merito.

Buon trail a tutti 

Foto in evidenza organizzazione Sellaronda Tail –  Dolomiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *