Instagram Twitter Facebook Vimeo Youtube
Home » Articoli » La delusione del Tor

La delusione del Tor

 Andrea Fergola
 Andrea Fergola
Istruttore Tecnico Nazionale di Trailrunning, Presidente ERGUS TRAIL TEAM

Dopo aver assistito, come tutti gli anni scorsi  al Tor dal mio PC, incitando amici e conoscenti, mi sono posto molte domande su questa edizione.

Difficile giudicare, difficile tirare le somme per noi osservatori esterni, che ammirano con entusiasmo il passaggio di questi atleti che si concedono una passeggiata fra le vette più alte d’Europa.

Ma cosa è andato storto quest’anno ?? Beh a sentire la voce dei molti,  mi viene da pensare quasi nulla, dopotutto nessuno s’è fatto male, ma le “ferite” inferte ai concorrenti durante questa edizione, bruciano troppo, molti ritiri prima dello stop, volti segnati dal freddo e dalla paura e dalla grande delusione, ci vorrà del tempo per lasciarsi alle spalle tutto ciò.

La montagna, nuovamente, impone la sua legge, che nessuno si permetta di prevederla, di avere troppa confidenza. Lei è fatta così, severa per gli stolti e meravigliosa per chi sa attenderla. Si mostra quando lo desidera, guai a sfidarla !

E così è stato, è bastato far partire questa edizione del Tor des Geants, che subito è scattata la sua severissima punizione, mettendo in seria difficoltà sia gli organizzatori sia i concorrenti, partiti già la domenica mattina con un cielo plumbeo bagnato dalla battente pioggia, trasformatosi in neve sui colli più alti.

Sicuramente non avrei voluto essere al posto degli organizzatori, che hanno gestito come hanno potuto i quasi 800 atleti in corsa. Ma poi alla fine, con gioia, mischiata alla delusione ed al dolore per tutti, s’è deciso giustamente d’inchinarsi a sua maestà.

Decisione saggia… non saprei se presa nei tempi giusti, l’importante che sia stata presa ed abbia permesso il recupero dei superstiti.

Cosa lascerà questa edizione del TDG 2015 ?? Ad oggi nessuno lo sa, ma sicuramente col tempo e le giuste riflessioni, le soluzioni arriveranno.

Certo che la vittoria di Patrick Bohard e dei suoi inseguitori s’è  un pochino offuscata, perchè loro sono sfilati via prima che si scatenasse l’inferno, ma la vittoria più importante è quella che questa edizione del Tor des Geants lascerà un ricordo indelebile, in tutti  i sensi.

Al prossimo anno ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *