Instagram Twitter Facebook Vimeo Youtube
Home » Articoli » LE SIGLE NEL TRAILRUNNING

LE SIGLE NEL TRAILRUNNING

 Andrea Fergola
 Andrea Fergola
Istruttore Tecnico Nazionale di Trailrunning, Pesidente ERGUS TRAIL TEAM

In questi giorni sto elaborando un post nel quale verranno presentati gli atleti che parteciperanno all’evento più “importante”  del trailrunning… quello del campionato del mondo !!! Cercherò di fare un po’di chiarezza,  per tutti quelli non addetti ai lavori e per mia personale curiosità. Come tutti ben sapranno questa disciplina ha delle caratteristiche molto particolari, rispetto alla classica manifestazione più o meno importante di corsa su strada.

UTMB
trail 2

Partendo da questo presupposto appare già evidente che le regole  imposte da federazioni, associazioni o quant’altro, riconosciute sia livello nazionale che internazionale non possano applicarsi al trailrunning… mi spiego meglio: spesso accade che per via del gesto atletico della corsa, essa venga associata all’atletica leggera e che possano valere gli stessi regolamenti. Il trailrunning è una disciplina che si sviluppa in natura, lontano dalle piste rosse o dal nero bitume, quindi poco consona alla competizione fine a se stessa, un viaggio nelle difficoltà che la natura propone.

Nonostante questo concetto sia chiaro a molti la “strada” che si sta percorrendo è quella di avvicinare o catalogare il trail sotto l’egide dell’atletica leggera. In Italia per esempio esistono alcuni EPS (enti di promozione sportiva) che individuano tale disciplina sotto l’atletica leggera. La IUTA  (Associazione Italiana Ultramaratona & Trail ),  in convenzione con la FIDAL (Federazione Italiana Atletica Leggera) promuove i propri campionati. Ovviamente non c’è nulla di male, l’impegno di questi enti va sempre premiato, ma quello che più spaventa, non solo in Italia, che alcuni dei regolamenti federali di atletismo possano snaturare la sua vera essenza libertina.

SIGLE DEL TRAILRUNNING

Cosa cambia a livello internazionale ? Nulla o quasi… per ora il l’unico campionato del mondo di trailrunning per nazioni è un esclusiva della IAU  (International Associazion Ultramarathon) a sua volta riconosciuta dalla Federazione suprema dell’I.A.A.F. (International Association of Athletics Federation) nei quali, sempre e comunque, prevale il concetto della  disciplina nata dalla costola dell’atletica leggera. Quello che resta difficile da capire o cambiare per maggiore praticità, che forse è arrivato il momento di chiarire una volta per tutte la differenza tra Ultramaratona e Ultratrail.  Per facilitarvi il compito vorrei aggiungervi la recente, anche se non recentissima, istituzione della nuova Associazione Internazionale del Trail Running l’I.T.R.A. (International Trail Running Association). I membri sono alcuni organizzatori delle manifestazioni  più importanti d’Europa, L’Italia è anch’essa rappresentata. L’ I.T.R.A.  ad oggi, rappresenta maggiormente sia l’aspetto tecnico sia l’aspetto etico del trailrunning, delineando le linee guida per definirne il concetto (qui il label ( link ) sottoscritto anche  da Kilian Jornet Burgada). Se  troverete il tempo di leggerlo, dai  contenuti si evince l’idea che il  trailrunning si sviluppa in contesti prevalentemente montani o comunque naturali, quindi con poca attinenza con l’atletica leggera (tranne che per i city trail). Un bel minestrone di sigle non credete ? La cosa si complica quando i due filoni di pensiero si scontrano, fra quelli che ne provengono dalla classica corsa su strada chi dalla montagna pura. Entrambi convergono sullo stesso sentiero ma ci arrivano da percorsi diversi, difficile metterli tutti in accordo!!

trail 3
captura-de-pantalla-2015-04-02-a-les-18-06-44

Ovviamente non è finita qui … esiste anche il Campionato Mondiale di Skyrunning, stretto parente del tailrunning, ma con caratteristiche di percorso più precise. Chi è il detentore di tale campionato ? L’ISF (International Skyrunning Federation link), ovviamente qui si potrebbero intavolare delle vere e proprie discussioni sulle capacità degli atleti del trailrunning rispetto a quelli dello skyrunning. Due mondi vicini ma molto differenti.

trail 5

Concludendo … non sarò certo io a influenzare i vostri pensieri con questo post, oppure definendo i differenti approcci, di certo posso affermare che in questo “nuovo mondo” un po’ di confusione esista. Sono convinto che nessuno di quelli che amano questo sport possa essere impedito di correre libero sui sentieri, e che nessuna regola federale o associativa potrà mai legare l’anima del trailer, ma di certo per i più competitivi qualcosa dovrà sicuramente cambiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *