Instagram Twitter Facebook Vimeo Youtube
Home » Articoli » Allenamenti » MIGLIORARE LE PRESTAZIONI NEGLI SPORT DI RESISTENZA

MIGLIORARE LE PRESTAZIONI NEGLI SPORT DI RESISTENZA

Muscolatura respiratoria efficiente è la premessa per migliorare la propria qualità di vita in modo duraturo . Infatti la mancanza di allenamento del sistema respiratorio può limitare notevolmente il rendimento e la condizione fisica.

Funzionalità e resistenza respiratoria sono allenabili al  nostro sistema respiratorio è richiesta una prestazione di alto livello giorno e notte: per evitare danni permanenti all’organismo non può permettersi alcuna pausa. Il riflesso biochimico di protezione impedisce ai muscoli respiratori di raggiungere i propri limiti di affaticamento: appena il respiro diventa affannoso, l’afflusso di sangue verso i muscoli periferici viene fortemente  ridotto.

Aumentando il volume totale della respirazione, la velocità di reazione e contrazione muscolare.
Contrariamente a quanto ipotizzato fino a ora la respirazione, o meglio i muscoli respiratori, possono limitare notevolmente il rendimento fisico durante l’attività sportiva.

La muscolatura respiratoria ha le stesse caratteristiche fisiologiche di quella scheletrica e quindi può venire allenata in modo specifico e mirato.

Giorno e notte un gran numero di muscoli respiratori (diaframma, muscoli intercostali e di supporto) sono al lavoro: a riposo si contano più di 20.000 cicli respiratori al giorno, sotto sforzo molti di più. Una prestazione di alto livello impegna intensamente la muscolatura respiratoria che di conseguenza può affaticarsi.

Nonostante ciò l’apparato respiratorio non può permettersi alcuna pausa! Al fine di evitare i danni permanenti all’organismo, i muscoli respiratori non raggiungono mai i propri limiti di affaticamento.

Per evitare che questa accada esiste un riflesso neuro chimico di protezione: appena il respiro diventa affannoso, l’afflusso di sangue verso i muscoli periferici viene fortemente ridotto. Questo provoca una sensazione di affaticamento di braccia e gambe dovuto a una ridotta ossigenazione e ad una conseguente accresciuta produzione di acido lattico. Lo sforzo deve quindi essere interrotto o ridotto considerevolmente.

Riassumendo:

La ridotta ossigenazione provoca una sensazione di:

  • Affaticamento
  • Perdita di lucidità

 Che induce a ridurre lo sforzo e a  interromperlo 

Chiunque non conosca questo riflesso neurochimico attribuirà queste sensazioni ad una carenza di allenamento dei muscoli periferici . Molto spesso però la causa è invece da ricondurre alla mancanza di efficienza del sistema respiratorio.

Lo Spirotiger è l’unico sistema di ginnastica del respiro che allena in modo specifico la resistenza della muscolatura respiratoria, allontanando l’affanno . Con lo Spirotiger è possibile compiere atti respiratori profondi e veloci senza incorrere nell’iperventilazione e ciò grazie alla possibilità data dallo strumento di realizzare isocapnia :

Spyrotiger 1 colori OK

Cioè di non alterare il normale rapporto ossigeno/ anidride carbMVMIT-prod-spiro500onica

 

 

 

Allenamento funzionale delle capacità respiratorie migliora:

coordinazione, postura e mobilità della colonna vertebrale. Lo spirotiger offre grandi benefici agli sportivi per incrementare le proprie prestazioni o , dopo un infortunio, per ritornare alla pratica in tempi brevi. Integrandone l’uso di questo strumento nei piani di preparazione è possibile allenare in modo completo i fattori di condizione fisica:

Resistenza aerobica

  • Velocità e mobilità muscoli del tronco
  • Miglioramento della coordinazione

Vantaggi allenamento muscolatura respiratoria

respiro

In particolare una buona coordinazione respiratoria si è visto che nei maratoneti ottimizza quello che è il rendimento del gesto respiratorio facendolo diventare più economico. Migliorando il massimo allungamento seguito da una massima contrazione possibile con allenamenti di resistenza e non di forza, il volume corrente potrà aumentare a parità di frequenza respiratoria. 

Bisson

il 90% dei campioni non sa usare il diaframma e i polmoni: DEVE IMPARARE 

Alcuni esempi di intervento muscolvaare respiratorio al  variare dlle frequenze respiratorie

Intorno ai 30 atti respiratori al minuto (FR) i sistemi muscolari che intervengono maggiormente sono:

  • toracico inspiratoriore
  • claveareenze
  • Diaframmatico

A FR prossime a quelle massimali (circa 36 Hz) I sistemi muscolari respiratori più sollecitati saranno:

  •  toracico espiratorio
  •  addominale

Variando in modo sistematico l’allenamento è possibile ottenere effetti specifici alla prestazione sportiva- respiro lento (sport aerobico), profondo o veloce necessari per i cambiamenti di ritmo.

Lo Spirotiger allena in modo completo tutti i fattori di condizione fisica. Resistenza aerobica, forza, coordinazione, velocità di mobilità dei muscoli del tronco vengono allenati in modo specifico e mirato. A trarre beneficio è l’intero processo respiratorio con un netto miglioramento della coordinazione intra e inter muscolare. Una muscolatura allenata e coordinata lavora in modo più efficiente e con un minor dispendio di energia.

Va detto che l’allenamento della muscolatura respiratoria non termina mai. È un complemento all’allenamento della disciplina sportiva endurance. Col tempo l’atleta sviluppa sufficiente conoscenze e pratica da poter allenare la muscolatura respiratoria in maniera indipendente.

 L’allenamento costante per almeno 7 – 14 settimane sviluppa i seguenti effetti:

  • Incremento della resistenza e della performance
  • Miglioramento del massimo sforzo
  • Miglioramento dei processi metabolici
  • Recupero più rapido dopo l’attività agonistica
  • Ritardata produzione di lattato con smaltimento veloce
  • Aumento considerevole di coordinazione della respirazione
  • Rifornimento più efficace dell’ossigeno ai muscoli scheletrici

Da ricordare inoltre che circa il 30 % dello smaltimento del Lattato è a carico della muscolatura respiratoria. Diventa molto importante quindi in atleti di Endurance come  Ultra Trail Runner , Maratoneti , Trail Runner  ecc.  dove il carico l ‘ apparato osteo – muscolo tendineo e molto sollecitato un lavoro di questo tipo con lo Spirotiger in quanto permette di recuperare molto più velocemente senza che ci sia un lavoro muscolare con impatto sulle articolazioni.

Quindi lo Spirotiger oltre che essere uno strumento fortemente allenante diventa indispensabile anche per recupero dopo attività fisica intensa. Inoltre molto utile anche in quei casi dove ci si trova difronte ad un atleta infortunato un lavoro di questo tipo con lo Spirotiger risulta di vitale importanza per mantenere metabolicamente attivo il soggetto.

Foto in evidenza organizzazione Tor des Geants

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *