Oggi vi presentiamo un personaggio davvero singolare, degno di tutta la nostra ammirazione e stima.

fauja singh 1

Eccolo qui, un giovane centenario indiano che vive in Inghilterra, di nome Fauja Singh, soprannominato ” Tornado Turbaned“, campione del mondo di maratona over 90 protagonista di vari record, realizzando nel 2003 il suo tempo migliore in 5 ore e 40 minuti nella maratona di Toronto.

L’anno seguente, è  stato testimonial dell ‘Adidas, devolvendo il proprio compenso in beneficenza a favore dei bambini prematuri.

Fauja Singh ha rivelato al mondo che la chiave per restare in forma, è:

 percorrere la sua quotidiana corsa di 10 miglia e…” mangiare molto curry, zenzero e bere abbondanti quantità di tè”

Ha iniziato a dedicarsi seriamente alla corsa alla meravigliosa età di 89 anni e con l’aiuto del suo allenatore Harminder,  ed insieme ad altri suoi amici ” pensionati”, ha partecipato a cinque maratone nella città di Londra, una a Toronto e una a New York.

” Se qualcuno dice che devo smettere di correre, io lo ignoro”

La corsa, per questo atleta , è una passione e una filosofia di vita, un modo per sentirsi felice, mantenendo in salute corpo e mente.

” Non sono una persona istruita, e per me, il segreto di una lunga vita è quello di non farsi piegare dallo stress, pensare positivo e fare opere di beneficenza”

Con il suo turbante sikh e il suo spirito zen, nel 2013, alla  veneranda età di 101 anni,  ha tagliato il traguardo a Hong Kong, dopo aver percorso 10 Km di corsa dichiarando:

” Ogni volta mi sento come nuovo”.

Fauja, 52 kg di peso, una lunga barba bianca e un imponente turbante, è il simbolo di umiltà e semplicità. Un corridore che, anche se non rimarrà iscritto nel libro Guinness dei primati come il più vecchio maratoneta del mondo per mancanza di certificati anagrafici che attestino la sua data di nascita,  passerà alla storia come esempio per tutti,  di un uomo dai grandi valori, un corridore mondiale e un campione di vita.

fauja singh 2

” sorridi e continua a correre” 

Visti gli ottimi risultati,  forse varrebbe la pena fare nostro questo motto, che ne pensate?

 “stay smiling and keep running”   a tutti voi amici runner…