Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di poter fare, incominciala. L’audacia ha in sè genio, potere, magia. Incomincia adesso. — Johann Wolfgang Goethe

Gli atleti ultra sono sempre alla ricerca della prossima grande sfida che sia ad alta quota in montagna o in una sperduta ed impervia giungla, i runner si spingono in capo al mondo pur di provare l’ebbrezza di una nuova ed entusiasmante avventura. Oltre alla difficoltà della lunga distanza, molte presentano un traguardo in più da raggiungere, quello della stranezza. Vi propongo alcune maratone del calendario internazionale, molto, ma molto particolari.

Antarctic Ice Marathon 

AntarcticIceMarathonL’Antartide rappresenta l’ultima frontiera, il grande deserto finale da conquistare, è la maratona più meridionale della terra è un’occasione unica per completare una gara formidabile, genuina. Ad un’ altitudine di 700 metri, a poche centinaia di chilometri dal Polo Sud, in condizioni estreme, con neve e ghiaccio, dove i venti possono soffiare ad una velocità costante di 10-25 nodi, gli atleti più temerari sono chiamati a disputare l’Antarctic Ice Marathon. Non aspettatevi di eseguire il miglior tempo, ma di arrivare al traguardo. Dimenticatevi di incontrare i pinguini perché non vivono così a sud. Non pensate di essere incoraggiati da folle che vi incitano facendo il tifo lungo il percorso, perché dovrete fare affidamento solo su voi stessi per andare avanti in questo ambiente indomabile.

Dead Sea Ultra Marathon

DeadSeaUltraMarathonSi corre da oltre vent’anni ad Amman, in Giordania, all’inizio di aprile. La finish line è 400 metri sotto il livello del mare, il punto più basso della terra. Gli obiettivi principali di Dead Sea Ultra Marathon sono: promuovere atletismo soprattutto tra i giovani, incoraggiare il turismo in Giordania, promuovere stili di vita sani tra tutti i membri della società. Una parte fondamentale della visione di Run Jordan è di sostenere importanti cause benefiche nazionali tra cui la società umana per i diritti dei disabili, la El-Hassan Gioventù, la Società Al Hussein per l’abilitazione e la riabilitazione dei diversamente abili e tante altre ancora, auspicando di continuare questa tradizione nel futuro.  Dead Sea Ultra Marathon è una prova di grande resistenza in cui i corridori sono chiamati ad iniziare la gara a 900 metri sul livello del mare (le vette di Amman ), per giungere  a 400 metri sotto, nel punto più basso della terra, nel deserto a sud della Giordania nel Mar Morto. Ciò significa una discesa di circa 1300 metri! I corridori possono partecipare singolarmente o in squadre attraversando strade asfaltate dove non vi è quasi alcuna ombra. Ogni anno più di 4000 corridori partecipano a questa maratona  e il numero degli atleti che ne prendono parte è sempre in crescita.

Everest Marathon 

International Tenzing- Hillary Everest Marathon in NepalLa prima edizione fu nel 1987. L’Everest Marathon è elencata nel Guinness dei primati come la più alta maratona del mondo. La linea di partenza è a Gorak Shep 5184m (17.000 piedi), vicino al campo base dell’Everest in Nepal. Il traguardo è nella città Sherpa di Namche Bazaar a 3446m (11.300 piedi) per una lunghezza di 42 km (26,2 miglia) su sentieri di montagna grezzi. Per acclimatarsi ad alta quota, tutti i corridori si riuniscono alcuni giorni prima in Nepal.  Ci possono essere neve e ghiaccio sulla parte superiore del percorso ed è per questo motivo che la gara è adatta solo per i corridori con esperienza di sci di fondo, o di corsa in montagna e di resistenza. Una buona preparazione in terreni accidentati è essenziale per affrontare un evento così impegnativo, perché l’ esperienza di maratona su strada, di per sé non è sufficiente. La gara è un’impresa senza fini di lucro e il denaro raccolto, viene devoluto in beneficenza per una vasta gamma di buone cause in tutto il mondo e per sostenere progetti educativi e di salute nel Nepal rurale.

Midnight Sun Marathon

MidnightSunMarathon2jpgA Tromsø, in Norvegia, a 70° di longitudine Nord, al di sopra del Circolo Polare Artico, a metà giugno c’è luce per tutta la notte in occasione proprio del solstizio d’estate, quando infatti la luce è presente per 24 ore al giorno. La maratona comincia a mezzanotte e la temperatura è pressoché perfetta. Ogni anno maratoneti provenienti da oltre 50 paesi nel mondo, corrono a Tromsø per partecipare alla Maratona del Sole di Mezzanotte, una gara molto speciale: si tratta infatti di una delle maratone più settentrionali del mondo ed è resa ancora più bella perché si corre con la luce del Sole di Mezzanotte! Questo non tramonta per 2 mesi, dalla metà di maggio alla metà di luglio non scendendo mai sotto l’orizzonte: una delle caratteristiche che rende il Midnight Sun Marathon un evento speciale ed esotico. A rendere ancora più piacevole la gara è che la cittadina di Tromsø (che si trova nella piccola isola di Tromsøya) è molto bella , con montagne innevate, fiordi spettacolari e paesaggi immersi nel verde. La gara inizia e termina proprio nel centro del piccolo borgo norvegese dove i partecipanti attraversano dopo 2 km il ponte “TromsøBridge”: una strada in salita 6-43 metri sul livello del mare. Proseguendo per circa 20 km sulla terraferma, i corridori ripassano il ponte ritornando verso il centro città. Il resto del percorso è prevalentemente pianeggiante e abbastanza facile. Un evento che vale sicuramente la pena di vivere.

Sahara Marathon

SaharamorathonE’ un’ importante manifestazione internazionale di corsa nel deserto che offre l’occasione agli appassionati di vivere la propria sfida, ambientata nel più bello e famoso dei deserti al mondo. Intorno solo dune di sabbia per chilometri e chilometri. Spesso il sudore non riesce neppure a grondare sul viso perché evapora a causa delle temperature elevate. La gara è un’estenuante avventura attraverso paesaggi formidabili in uno dei climi più inospitali del mondo. E se c’è qualche dubbio sulla fattibilità e sul fascino di una sfida del genere, i numeri parlano chiaro: succede che il numero degli iscritti superi i posti disponibili e non rimane altro che mettersi in lista d’attesa. Dunque si può dire che la competizione inizia ancora prima di indossare le scarpe da corsa!!!. Il Sahara metterà alla prova non solo i parametri fisici, ma anche la capacità di controllare la vostra mente. Lo spirito della gara combina tra loro molti elementi: viaggio, avventura, emozione e, infine, una sfida. Insegui i tuoi sogni e le tue le tue passioni e lascia che la 100 km del Sahara ti apra le porte ad un nuovo mondo.

C’è un momento nella vita di alcuni di noi in cui arrivi a dire “ Perché no!”. Così comincia tutto e la fine non è che l’inizio di una nuova avventura, di un altro limite da superare, di una competizione da affrontare, una nuova pagina di vita “di corsa”da scrivere.