Già molti anni or sono, che la mia insaziabile sete di novità e informazioni sulla corsa mi portò a conoscenza delle Huaraches, i sandali utilizzati dalla popolazione Tarahumara del Messico. Calzature minimaliste tradizionali, con le quali questi atleti naturali corrono per decine e decine di km e non di rado per centinaia. Il libro di Christopher Mc Dougall , Born to Run, mi ha chiarito definitivamente le idee sulle abitudini leggendarie di questo popolo. Navigando poi su internet mi sono imbattuto nei Luna Sandals, un prodotto nato proprio dalla storia reale che il romanzo Born to Run, racconta. Bastava fare due più due per capire che il Ted lo Scalzo del romanzo aveva messo su una piccola azienda a Seattle che produceva questi sandali.

Il risultato è una calzatura che avvolge come una seconda pelle la pianta del piede, dandoti tutta la liberta di movimento di un piede nudo. In passato ho fatto molti esperimenti di autocostruzione, ma non mi sono mai avvicinato al prodotto dei Luna. La differenza la fa il tipo di allacciatura e gli inserti in gomma elasticizzata, che si trovano su alcuni modelli. Ci sono poi vari tipi di Luna da scegliere a seconda del terreno sul quale correte abitualmente. Potete scegliere fra suole più dure e rigide o più morbide ed avvolgenti a seconda se i vostri sentieri sono cosparsi di pietre spigolose o sono tappeti di erba e terra morbida.

Quando cominciai a cercare informazioni sui Luna Sandals, trovai un video su youtube che mostrava dei tipi felici e spensierati che correvano su ogni terreno indossando questi sandali. Chiamatemi ingenuo ma ho capito che questi Luna Sandals erano molto di più di un semplice sandalo con la suola in vibram e dei laccetti in poliestere. Questi sandali raccontano una storia nella storia. Innanzi tutto vantano l’esperienza secolare che Ted ha raccolto dai Tarahumara su come fabbricare queste calzature, poi vi è la drammatica storia di Manuel Luna un grandissimo corridore Tarahumara che ha passato le indicazioni e i piccoli segreti a Ted per poterle riprodurre. Così impulsivamente, ne acquistai subito un paio, modello mono, l’entusiasmo e la fiducia nella filosofia Luna crebbe a tal punto che, dopo averci corso qualche centinaio di km, decisi di contattare Ted negli USA, per chiedergli se era possibile collaborare con la sua azienda nella promozione di questi sandali, com’è andata a finire, lo capite da soli.

Onestamente, ora che corro abitualmente con questi sandali, sento fin troppo la differenza, quando indosso un paio di calzature chiuse. Ora che ho perso l’abitudine a tenere i piedi impacchettati, correre con le scarpe è come tenere dei guanti alle mani quando non è freddo, danno solo fastidio. La suola, in Vibram, fa la differenza, aderisce benissimo su rocce asciutte e bagnate e la posizione orizzontale che la pianta del piede assume vi da la sensazione di confort e riposo ad ogni passo. Certo, per correrci, come tutte le calzature minimaliste, hanno bisogno di un piede condizionato e forte, un piede da vero corridore, ma se volete abbracciare lo stile di corsa perfetta che il natural running vi offre, i Luna Sandals sono lo strumento migliore per farlo.

Riccardo FerrariDi Riccardo Ferrari – Luna Sandals Promoter, Tree Climber, Arboricoltore e Pioniere del Trail Running in Italia.

Oggi acquistare i Luna Sandals è diventato facilissimo basta ordinare tramite questo link:
https://store.lunasandals.eu/?affiliates=2 per ricevere a casa vostra il modello che avete scelto senza spese di spedizione. Io sono sempre a vostra disposizione per info e chiarimenti scrivetemi pure su : rikrunner@virgilio.it  o sul mio profilo fb Riccardo Ferrari.