Andrea Fergola
 Andrea Fergola
Istruttore Tecnico Nazionale di Trailrunning, Presidente Ergus Trail Team ASD

Secondo voi, quanti tipi di trailer ci sono in giro per sentieri e tracciati?

So cosa state pensando… “Non vorrete mica fare distinzioni anche nel mondo del trailrunning?!”. State tranquilli, no di certo! Sarebbe però interessante provare a descrivere le differenze tra noi trailers, ragionando per filoni di pensiero.

Oramai sono alcuni anni che gravito in questo mondo splendido, alle volte contraddittorio, in cui ognuno di noi è spesso fermo sulle proprie convinzioni. E allora, tanto per sorridere e sdrammatizzare un po’, vorrei provare a pensare a ciò che distingue i vari trail runners, realizzando una sorta di “catalogo” per definire ogni tipo di trailer.

Il purista

È colui che non ama la competizione, ma desidera solo godere dell’avventura nuda e pura, immergendosi completamente nella natura. Lo puoi riconoscere dal suo abbigliamento poco curato e minimalista. Il purista è quello che non ama la commercializzazione del trail e tutto ciò che gravita intorno alle grandi aziende del settore. Raramente partecipa alle gare, ma è super attivo sui social e ‘smonta’ tutti coloro che invece condividono i selfie scattati con lo zaino più figo del momento o che intraprendono qualsiasi attività di marketing legata a questo mondo.

Il tecnologico

Si tratta di un personaggio al quanto particolare, che non esce di casa senza il suo smart phone con app adeguata, gps da polso, cardio-frequenzimetro, lettore MP3, frontale a led da 2000 lumen. Una volta rientrato a casa – neanche il tempo di fare la doccia – lo trovi intento a scaricare dati e grafici, pronti per essere condivisi sui social. Ovviamente si merita un po’ di soddisfazione: un bel “Mi piace” per l’impegno e la perseveranza dimostrata!

Il competitivo

Questa è forse la tipologia più ampia, che va a toccare una larga fetta di noi trailer. Il competitivo tiene d’occhio tutti i calendari on-line, organizza la sua vita in funzione delle gare, che prevalgono anche sugli allenamenti che finalizza in maniera approssimata in quanto… ogni weekend tanto c’è “la gara”! Gli argomenti con gli amici? Ripetute, allunghi, fartleck, performance, dieta. Il problema? Tende a sostenere questo tipo di conversazione anche in occasione di cene a lume di candela!

Il modaiolo

Nel suo armadio da sportivo, non esiste capo di abbigliamento che non sia logato o brandizzato. La sua cultura in materia di capi tecnici sconfina ben oltre quella del negozio più specializzato. Conosce tutti i marchi, alle gare si presenta rigorosamente con abbigliamento  appena acquistato – alle volte si dimentica persino di staccare il cartellino ;)! Ogni zona del suo corpo è compressa gradualmente al fine di migliorare la performance. E ovviamente non possiamo dimenticare il suo accessorio più “in”: lo zaino rigorosamente fasciante a gilet ed elasticizzato, praticamente un concentrato di tecnologia applicata.

L’oversize

No…non stiamo parlando di taglia o di stazza, ma di protezione! La scarpa non può essere una qualunque, deve essere  iper protettiva, praticamente un canotto gonfiato al massimo, un air bag per non sentire nessuna asperità del terreno. Si presenta alle gare con un modo di fare abbastanza goffo, con i suoi ‘trampoli elastici’ che gli donano  un innaturale altezza. Sicuramente le sue doti da equilibrista sono eccezionali!

L’esperto

Concludiamo con una tipologia immancabile, quella dell’esperto. Come riconoscerlo? Ha fatto del trail la sua mission, partecipa ai trail più duri al mondo, misura le persone in base alle prestazioni e le distanze percorse. Il lato negativo? Chi non rientra nella sua categoria sarà destinato ad ascoltarne tutta l’esperienza accumulata in centinaia… migliaia di chilometri di trail. L’esperto è poi informatissimo su tutte le dinamiche alimentari, di preparazione atletica, dietologia, sopravvivenza… praticamente un rambo del mondo trail!

Se vi state chiedendo a quale categoria io appartenga… beh, non è facile sceglierne una. Sicuramente sono purista, tecnologico e pure un po’ esperto, ma una cosa è certa, non sono più “oversize”!

Forse avrò dimenticato qualcuno e alcuni si sentiranno esclusi da questo catalogo trail. Non esitate! Sarà sicuramente divertente ascoltare i nostri lettori e conoscere quale altro tipo di trailer avreste inserito. Infondo possiamo dirlo pure con estrema serenità, il parterre di ogni gara è un tripudio di personaggi variopinti e piacevolmente unici! 🙂

Buon trail, a qualunque categoria tu appartenga!