Emanuele Gambacciani
Biologo Nutrizionista

Questo articolo parla di latte e di prodotti caseari. Credo che il latte sia uno degli alimenti più controversi in ambito nutrizionale, io mi limiterò a darvi semplicemente la mia versione dei fatti.

I detrattori del latte, quello vaccino (ed affini) basano le proprie convinzioni su una realtà innegabile che, effettivamente, l’Uomo sia l’unica specie a nutrirsi di latte dopo l’età dello svezzamento e, per di più, latte proveniente da specie diverse.

Io preferisco partire dalle basi, dal fatto che il latte di ogni specie vivente non sia nient’altro che sangue filtrato e successivamente “arricchito”; che proprio per questo motivo, il latte sia un alimento specie specifico, un alimento frutto del lungo percorso evolutivo di ciascuna specie e perfetto quindi,  da un punto di vista nutrizionale (e non solo) per i cuccioli.

Confrontiamo per esempio il latte vaccino con quello umano: il primo presenta una quantità quattro volte maggiore di proteine, è sette volte più ricco di sali minerali ma privo di acidi grassi essenziali. Il vitello cresce infatti molto velocemente e deve formare zoccoli e corna, il bambino invece deve (dovrebbe) sviluppare le proprie capacità cognitive.

Essendo poi, nient’altro che sangue filtrato, all’interno del latte si trovano tutti gli ormoni, i fattori di crescita ed immunologici perfetti per ciascun cucciolo, fattori di crescita ed ormoni che stimolano appunto in modo appropriato i sistemi fisiologici durante la fase di crescita ma che invece diventano del tutto inappropriati e forvianti dopo lo svezzamento.

Mi piacerebbe ora fare un paio di considerazioni sulla caseina e sul lattosio: la caseina è la principale proteina del latte di ciascuna specie, il lattosio invece è lo zucchero principale. Il latte vaccino è molto ricco in caseina, una proteina che, in grandi quantità viene ahi noi, molto mal gestita dal nostro sistema digerente poiché, così come per il glutine, non siamo in grado di digerirla molto bene.

Ciò determina assorbimento non di singoli amminoacidi (come invece dovrebbe essere) ma di frammenti amminoacidici che, oltre a danneggiare l’intestino,  stimolano il sistema immunitario e, spesso, si legano ai recettori insulinici delle cellule stesse determinando una forte propensione, nel lungo periodo, alla resistenza insulinica, anticamera del diabete.

Per quanto riguarda invece il lattosio, questo viene digerito dalla lattasi, un enzima presente nell’intestino di tutti i neonati. Tale enzima diminuisce la propria concentrazione dai 6 mesi in poi fino quasi a scomparire totalmente in età adulta: i più sfortunati sono i cosi detti intolleranti al lattosio (una percentuale altissima nella popolazione mondiale) nei quali il lattosio fermenta nell’intestino provocando diarrea e gonfiore.

Quindi la caseina in alte dosi non viene ben digerita, il lattosio non siamo più in grado di digerirlo man mano che cresciamo ma c’è di più, molto di più!

Una mucca in media può produrre fisiologicamente circa 900 litri di latte l’anno, sapete quanti ne produce oggi una “mucca da latte”? 20000, litro più, litro meno! Circa 19000 litri di latte l’anno prodotti grazie all’assunzione di farmaci, ormoni e antibiotici! Ormoni, farmaci e antibiotici che vi bevete tutte le mattine visto che la pastorizzazione non li “debella”; ormoni, antibiotici e farmaci che date ogni giorno ai vostri bambini in compagnia dell’altro veleno, i biscotti !

Finisco questo articolo con una semplice riflessione, ovvero che l’osteoporosi è totalmente assente nei paesi dove non si consuma latte…ma il latte non faceva bene alle ossa? Beh questo è quello che vorrebbero farvi credere; il fatto che il latte sia un alimento ricco in calcio non significa assolutamente che tutto questo calcio venga assorbito anzi ! Perché il calcio venga assorbito è necessario il magnesio, minerale non presente nel latte. Quindi, tutto il calcio non assorbito andrà a depositarsi nel vostro organismo e principalmente nei reni (calcoli), arterie (placche) ed articolazioni (gotta).

Essendo poi il latte un alimento molto acido, tende appunto ad impoverire l’osso dei propri minerali, minerali che servono a tamponare l’acidità del latte stesso!

Quindi siete sicuri di continuare a bere latte tutte le mattine? Ed i vostri adorati formaggi, siete così sicuri che faranno bene alle vostre ossa? Non pensate di attivare in modo anomalo il sistema immunitario e di danneggiare l’intestino dei vostri bambini ? Non vi bastano tutti gli antibiotici ed i farmaci che vi prescrive il vostro medico di base spesso inutilmente ?

Spero che questo semplice articolo possa quantomeno far sorgere dei dubbi a chi legge…