Andrea Fergola
 Andrea Fergola
Istruttore Tecnico Trail Running, responsabile portale trailrunning.it 

Quando si parla di sicurezza nelle gare di trail, si aprono veramente dei dibattiti molto accesi. Ma chi per primo dovrebbe garantire la sicurezza nelle manifestazioni sportive ? Chi ha veramente la responsabilità in certi eventi, sia sportivi e non ?

Abbiamo già trattato sul nostro portale questo argomento [qui], cercando di rendervi edotti su alcune dinamiche che disciplinano le eventuali responsabilità e in Italia sono tantissime per un organizzatore, non c’è manleva che tenga.

Però vorrei affrontarla dall’altro punto di vista, cioè quella del partecipante di un evento trail. Vi è mai capitato di chiedervi se il trailrunning sia veramente una disciplina estrema e come tale nasconda delle insidie di vario tipo?

Che percezione avete del pericolo? Molti sfidano crinali ad altissima quota senza problemi, altri potrebbero trovarsi in difficoltà nell’attraversare un ponte. Quindi come natura umana ci insegna, abbiamo davanti moltissime variabili di approccio.

Sappiamo che il trailrunning non è propriamente una disciplina a rischio zero, dei pericoli ci sono eccome, come per esempio nel transitare in punti esposti, affrontare una tempesta magari di notte, oppure correre per molti chilometri sotto un intensa nevicata, oppure ancora, attraversare un deserto ad altissima temperatura, senza contare il fondo sconnesso, con possibilità d’inciampo rischiando di procurarsi distorsioni o addirittura fratture.

Beh letto così non è che ci stia facendo una grande pubblicità al movimento…ma vi siete mai chiesti fino a che punto siete disposti a spingervi, fino a quanto il vostro spirito trail vi possa portare “oltre” ?

Il fascino del rischio è insito in noi, è un bisogno ancestrale, dove la dinamica della prova sfidante ci infonde gratificazione, è un continuo mettersi alla prova per capire se esistiamo veramente, o per avere sempre delle conferme.

Bisognerebbe capire se tutto ciò sia ben chiaro ! Lanciandosi in avventure di trail, non si può dare tutto per scontato, le difficoltà sono moltissime e bisogna essere in grado di gestirle, sempre e comunque ed in ogni situazione, partendo dal presupposto che non ritroveremo le comodità della vita quotidiana e neppure le sicurezze delle nostre case, qui bisogna rendersi conto che tutto ciò che facciamo è perchè lo vogliamo e lo stiamo cercando, l’organizzatore non ha colpe sulla nostra inesperienza o negligenza.

Lasciamoci pure affascinare da lunghe distanze, ma partiamo con un bagaglio di esperienze maturato in manifestazioni così dette “minori” che di “minore” non hanno nulla, è solo una questione di km, anche il un mini trail è potenzialmente pericoloso.

Assunzione delle responsabilità e del rischio, non facciamo ricadere su altri la nostra inesperienza. Sappiamo benissimo che il trail comporta dei rischi, come del resto gli organizzatori devono avere il coraggio di sospendere la gara se non esistono più le condizioni meteo per continuarla… tutto quello che rimane è  puro divertimento !

Tu come trailer, come percepisci il pericolo ? Qual’è il tuo pensiero in merito ? Aspetto i vostri commenti !