Mi vorrei rivolgere al pubblico che non ha mai corso un trail e che vorrebbe avvicinarsi a questa specialità dell’atletica leggera.

Bene, incominciamo a capire fin subito che il trail running non è una disciplina come le altre con regole e misurazioni definite, qui vige uno spirito propriamente chiamato “Spirito Trail”, dove il cronometro è una questione relativa e che i tuoi avversari in gara sono compagni di viaggio, dove prevale la condivisione delle fatiche e l’aiuto reciproco, in caso di difficoltà, è implicito.

Ho voluto fare questa introduzione per tutti quelli che hanno un anima un pò più competitiva come nelle gare su bitume o su pista ! Certo l’aspetto competitivo esiste anche nel trail me è vissuto in maniera differente rispetto ad altre attività sportive.

Se abbiamo già assimilato questo concetto, dovremmo conoscere altri aspetti importanti:

  • ci si muove in contesto naturale
  • bisogna essere equipaggiati
  • occorre essere atleticamente preparati

Alcuni di voi penseranno che per quanto riguarda l’aspetto di preparazione atletica, si sentano già pronti ad affrontare queste prove di endurance, ma attenzione, il contesto naturale è imprevedibile e bisogna saper riconoscere eventuali difficoltà.

L’equipaggiamento base prevede il seguente kit

  • uno zaino adatto alla corsa in natura
  • una riserva idrica ed alimentare
  • una giacca antivento e pioggia
  • un piccolo kit di pronto soccorso

Ovviamente in base alle distanze, al’esperienza acquisita, alle condizioni meteo, alla tipologia di ambiente che andrete a sviluppare la vostra attività, potrete apportare delle modifiche di equipaggiamento.

Non partite con troppa sicurezza: questo atteggiamento non mette nelle condizioni ideali per poter affrontare eventuali problematiche da gestire, bisogna essere mentalmente pronti.

Non partire con troppi timori: il trail, nonostante nasconda dei potenziali pericoli, non è una missione bellica, ma semplicemente una sgambata in natura, almeno per l’80% dei partecipanti.

Misura i tuoi limiti: troppe volte si vedono trailer, o presunti tali, trovarsi in difficoltà in gare di endurance trail per svariati motivi. Il principale è quello di aver sottovalutato i seguenti aspetti:

  • mancanza di esperienza
  • essersi iscritti ad una gara troppo lunga
  • non essere preparati atleticamente

Quando si incespica in false aspettative, la situazione metterà sicuramente il neofita del trail in difficoltà. Quindi valutate questi aspetti in maniera onesta ed oggettiva. Le lunghe distanze riempono spesso la bocca di chi le ha fatte ! Non fatevi trarre in inganno, bisogna prepararle non solo la parte atletica ma sopratutto a livello organizzativo. La gestione delle riserve alimentari idriche e del’abbigliamento dovranno essere consone alla distanza, alle condizioni meteo rispetto alla posizione geografica.

Il trail running è una bellissima disciplina sportiva, che entusiasma sempre più persone ma bisogna farlo più con la testa che coi piedi !

 

3
Lascia un commento

avatar
2000
Foto e Video
 
 
 
 
più nuovi più vecchi più votati
Francesco
Ospite
Francesco
Valutazione :
     

Ciao. Grazie per il tuo articolo. Volevo chiederti dei suggerimenti. Sono un runner “da strada” ormai da più di un anno. Corro 2/3 volte a settimana, distanze variabili dai 7 ai 13/14 km (in base al tempo a disposizione e alla condizione fisica), terreno misto, asfalto e sterrato (strade di campagna in mezzo ai campi), molti saliscendi, ma raramente salite impegnative. Ho partecipato a qualche gara (ad oggi 2 da 10 e una da 14), correndo sempre a 5’30″/km. Mi sono iscritto alla TrasiTrail del 2 dicembre. Mi stuzzicava l’idea di una trial, e essendo di Perugia ho pensato che… Leggi tutto »