Le corse più curiose del pianeta

0
117

C’è corsa e corsa. Ma soprattutto ci sono tradizioni, folklore e idee nuove in ogni angolo del globo in grado di integrare running e divertimento. Forse i puristi della maratona e delle distanze olimpiche storceranno il naso di fronte agli eventi che stiamo per presentare ma vi possiamo assicurare che aggiungere una componente ludica può aumentare il piacere di correre. Come? Scopriamolo con le corse più curiose del pianeta.

Arriva dal Nord Europa una delle tradizioni più divertenti in grado di unire spirito familiare e running. Stiamo parlando del “wife carrying“, letteralmente “trasportare la moglie”. Lo scopo della gara è semplice: conquistare il primo posto in un percorso a ostacoli (tra cui tronchi d’albero e fosse d’acqua profonde un metro) caricando la propria consorte sulle spalle. Ma c’è di più. Dal 1992 si corre anche un campionato Mondiale di “wife carryng” a Sonkajärvi, un piccolo paesino della Finlandia. Il premio per il campione del Mondo? L’equivalente del peso della moglie in birra.

Spostiamoci negli Stati Uniti per scoprire alcune delle iniziative più stravaganti. Se vi trovate in una metropoli statunitense potreste imbattervi più volte l’anno nella “Hot Chocolate”, la gara ideale per chi abbina l’amore per il running a quello per il cioccolato. Si tratta appunto di una corsa di cinque o quindici chilometri in cui si beve cioccolata calda per tutto il percorso e che ha visto, dalla sua inaugurazione, oltre un milioni di partecipanti in tutto il mondo.

Scopo della competizione? Riuscire ad arrivare al traguardo per poter partecipare all’evento finale che consiste in una vera e propria doccia di cioccolato.

Come tutti sanno non si corre solo in orizzontale. È il caso della “Vertical Rush 2013”, una gara organizzata dall’ente inglese Shelter in cui l’obiettivo era quello di scalare i quarantadue piani della Tower 42 di Londra, il secondo grattacielo più alto della capitale britannica, nel minor tempo possibile. Tra i protagonisti accorsi anche alcuni sportivi famosi come le stelle del poker Liv Boeree, presentatrice televisiva e giocatrice professionista del team PokerStars, la collega Leo Margets e altri campioni del tavolo verde come Joao Nunes e George Danzer. Giocatori che si sono resi protagonisti anche di ottime prestazioni dal punto di vista sportivo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

A vincere la gara e a completare il percorso di 920 scalini nel minor tempo è stato Ben Hall (quattro minuti e cinquantuno secondi il suo risultato). Dietro di lui si è classificata Suzy Walsham con il tempo di 5:04. Trentaduesima tra le donne è arrivata Leo Margets di PokerStars e quarantaduesima Liv Boeree.

Se amate le corse pazze, colorate e divertenti la “Firefly Run” è l’evento che fa per voi. Sul percorso da cinque o dieci chilometri l’obiettivo non è quello di vincere la gara ma quello di addobbarsi nella maniera più luminosa e appariscente possibile. Ed è proprio per questo che la manifestazione, recentemente sbarcata anche in Italia, si svolge in notturna: per far risaltare ancora di più gli accessori luminosi indossati dai partecipanti. Il dress code della Firefly è semplice: si possono utilizzare collane, bracciali, cappelli e corone. Basta che siano alimentati a led. Va da sé che l’evento è altamente spettacolare: basta farsi un giro in rete per vedere le immagini di una folla festante che attraversa le metropoli americane a ritmo di corsa e che festeggia davanti al palco di uno degli eventi di musica o spettacolo organizzati al termine della gara.

La terza domenica di maggio è diventata una data cerchiata sul calendario di moltissimi cittadini californiani. Poco prima dell’estate si corre nella splendida cornice di San Francisco la “Bay To Breakers”, una gara di 7,46 km in cui i partecipanti indossano tutti dei costumi, alcuni estremamente stravaganti. Per questo motivo la manifestazione accoglie ogni anno oltre cinquantamila partecipanti e quasi il doppio di spettatori e curiosi. Uno spettacolo nello spettacolo, quello dei travestimenti, con l’organizzazione che mette in palio anche il premio per il costume più bello di ogni edizione.

Lascia un commento

avatar
2000
Foto e Video