Sinceramente non ero tanto interessato a provare la La Sportiva Bushido 2, un aggiornamento di una scarpa che avevo provato diversi anni fa, quanto invece ero interessato a provare la Kaptiva, nuovo modello uscito di recente.

Avevo buoni ricordi della Bushido, soprattutto per quanto riguarda la corsa in discesa, il comportamento del crash-pad al momento dell’impatto. Una buona scarpa che meritava un aggiornamento, ma che non credevo potesse dire più di tanto.

Ma vuoi per rimanere aggiornato, vuoi per essere sempre sul pezzo, ho richiesto ai ragazzi di La Sportiva di mandarmi un samples da testare.

Calzata

Mi hanno chiesto che numero avevo usato per la Sportiva Lycan, e mi hanno detto mi avrebbero mandato un samples di Bushido 2 di mezza taglia più piccolo.

Dici? Va bene. Vedremo.

E quando l’ho calzata, ho potuto verificare che effettivamente La Sportiva Bushido 2 mi veste bene con una misura di mezza taglia più piccola.

Precisissima, come deve essere una scarpa da performance. Con una zona avampiede compatta ma senza costrizioni alle dita, l’alluce perfettamente circondato dal rigido puntale, ma non infastidito.

La tomaia deLa Sportiva Bushido 2  fascia perfettamente il piede, si percepisce molto sostegno nella zona dell’arcata interna, partendo dall’osso di congiunzione dell’alluce fino al tallone, dove la conchiglia del contrafforte tallonare offre un ottimo sostegno laterale al tallone. Nella parte laterale esterna, la conchiglia è più flessibile, ma sempre molto avvolgente, essendo tutta la zona molto rastremata, poco imbottita nel collarino, molto tenace ma non scomoda sul piede.

Da notare come la conchiglia abbia una zona posteriore più passa rispetto a quelle laterali: in questa maniera la tomaia si appoggia al tendine, senza interferire con i suoi movimenti. Cosa molto apprezzabile nei tratti in discesa.

Lo chassis mediale “ STB Control”, che consiste nella fasciatura dello scheletro in TPU posto sulla tomaia, dall’intersuola fino al sistema di allacciatura, rende molto fasciante, stabile e sicura la tenuta della scarpa sul piede.

La seduta è poi riempita da una soletta Ortholite ergonomica di 5-6mm di spesso, molto ben ,che rende piacevole il contatto della pianta del piede.

La Sportiva Bushido 2 in appoggio

Il piede risulta ben piantato all’interno della Bushido2, in nessuna condizione si sente la scarpa cedere la tenuta; il piede è tutt’uno con essa, una completa unione.

 

Allacciatura

Ottima anche la sensazione di fasciatura sul collo del piede, offerta dal sistema di allacciatura: si sente una pressione rassicurante ma non fastidiosa, del tipo che serve per una scarpa destinata ad assecondare la performance.

I primi occhielli passalacci, posizionati sulla tomaia e non sul sistema layer laterali, permette di regolare in maniera più personalizzabile il livello di fasciatura nella zona dell’attacco delle dita. Ne risulta una pressione sul piede molto stabilizzante.

La Sportiva Bushido 2 dettagli tomaia

 

La linguetta para lacci è ben imbottita,  lunga appena appena  quanto basta per proteggere il collo del piede dal nodo dell’allacciatura: al momento dell’esecuzione, pensavo di stare sbagliando qualcosa, che forse non avevo tirato a dovere la linguetta, o l’avevo posizionata male.. e invece è proprio cosi . Pensavo avrei potuto soffrirne durante la corsa, ma così non è successo.

 

Tomaia

Provata in giorni molto caldi, la tomaia de La Sportiva Bushido 2 è risultata molto traspirante: il tessuto, specie nelle zone laterali, è traforato al punto da permettere vedere attraverso di esso! Ed è anche molto resistente.

La Sportiva Bushido 2 puntale protettivo

E’ anche molto protettiva: il puntale di generose dimensioni e materiale consistente risulta molto efficiente nel proteggere sui percorsi sassosi dove l’ho portata, e dove ho dovuto di proposito “calciare” delle pietre per verificarne le capacità, tanto era difficile sbagliare appoggio con questa scarpa.

Con tutte queste soluzioni, la Bushido 2 riesce così dare sensazioni di calzata tipiche di una scarpa da performance, con una sensazione di confort non riscontrabile in altri modelli della categoria.

 

Intersuola

Ma la cosa ancor più stupefacente è il confort di marcia!

Il reparto suola/intersuola ha misura intermedia: alta 23mm al tallone e 19mm nella zona avampiede, composta in materiale EVA compression con un inserto “Cushion Platform” sempre in Eva di diversa densità, riesce a fornire un livello di ammortizzazione inimmaginabile, per una scarpa del genere.

Durante la marcia, che sia camminata, corsa lenta, corsa spinta, si può apprezzare una fase di impatto del tallone a terra molto morbida, piacevole. La fase di appoggio del piede a terra è molto ben ammortizzata, la scarpa è dotata di un crash pad che affonda in maniera progressiva, assorbendo bene il peso del corpo, restituendo elasticamente l’energia impressa. Il movimento della rullata risulta inaspettatamente molto piacevole!

Tutta la fase di contatto a terra del piede è molto comoda, e la corsa su fondi rocciosi, sassi, è molto spensierata.

La scarpa si “sdraia” sul fondo, copia perfettamente il suo profilo, trasmettendo al piede una piacevole sensazione di contatto, di sicura percezione del fondo.

La zona avampiede è molto flessibile, si lascia guidare perfettamente in ogni situazione di corsa, in grande controllo. La zona mediale assicura un appoggio sicuro in fase di impatto (cosa molto piacevole durante le discese) e fornisce una grande elasticità durante il movimento. La Bushido 2 risulta molto agile.

La Sportiva Bushido 2 dettagli intersuola

E’ incredibile ed inaspettato il livello di capacità dinamica ed il livello di confort che riesce a fornire la Bushido 2 durante la marcia.

Vorrei conoscere il progettista per chiedergli se era così che l’aveva pensata, o se gli è uscita per caso, molto meglio di quanto potesse immaginare!

 

Suola

La Sportiva Bushido 2 suola Frixio Red

Dice la descrizione sul sito de La Sportiva “La suola bi-mescola FriXion Red presenta superfici di appoggio differenziate: la forma arrotondata dei tasselli esterni che salgono lateralmente a toccare l’intersuola, crea un angolo di appoggio graduale con il terreno mantenendo la stabilità anche in casi di torsioni estreme del piede. Questo permette di correre in sicurezza anche sui terreni più tecnici in presenza di radici, sassi e rami.”

E’ tutto vero. La suola offre una sicurezza di marcia incomparabile. Almeno sui terreni asciutti, dato che non ho potuto trovare condizioni di bagnato per verificarne le capacità.

Mi è piaciuto molto ma molto la sua capacità di stare incollata sul fondo, amplificata dalla capacità dell’intersuola di copiare ottimamente il fondo.

 

Conclusioni

Oh, io avevo un buon ricordo della prima Bushido, ma non me la ricordavo così forte!

La Sportiva Bushido 2 è una grande scarpa da competizione su percorsi da skyrace che può essere benissimo usata per fare trekking, accompagnando ogni tipo di atleta e di passo, tirato/divertente/gaudente,  in sicurezza e confort, su medie e lunghe distanze su veloci singletrack di bosco, tratturi sassosi, aspri sentieri alpini.

La Sportiva Bushido 2

Lascia un commento

avatar
2000
Foto e Video