Quando  ho preso la Mujin 6 tra le mani,  in questa veste verde camo,  mi sono reso conto che ha un aspetto particolare, poco attraente… ma non è poi così brutta come appare dalle foto! Ha un suo fascino particolare: quello di una tipa cazzuta!

E c’è una cosa che si capisce subito: che non siamo di fronte alla classica tomaia Mizuno, e alla solita Mizuno stradale risuolata per il trailrunning: siamo di fronte ad una vera scarpa da trail.

Tomaia

La tomaia della Mizuno Wave Mujin 6 non è fatta col solito mesh utilizzato da Mizuno per le sue scarpe, quel mesh piacevole e delicato al tatto, morbido ed elastico sul piede. Il tessuto della Mujin 6 ha una trama più densa, quasi ruvida al tatto, sembra molto resistente all’usura.

La forma della tomaia è molto più affusolata rispetto a quella delle precedenti versioni, ed in maniera molto marcata nella parte interna, avvolgendo così il piede in maniera più supportiva.

Diversi layer stampati solcano la superficie, e sono presenti in punti strategici a rinforzare la struttura, come alcuni “triangoli” posti nella parte inferiore della tomaia, sul bordo dell’intersuola.

La tomaia fornisce una calzata compatta e rassicurante, comunque comoda, grazie a rivestimenti interni e imbottiture di qualità.

Il collarino, alto sulla caviglia, ha un disegno molto avvolgente.

Il contrafforte tallonare è rastremato, con una conchiglia interna molta rigida e che molto estesa sui lati. La generosa imbottitura fornisce una calzata comoda e molto ferma.

Una volta indossata, i sente subito ben salda al piede, anche senza allacciarla!

La soletta interna, spessa 5mm, offre una seduta molto piacevole.

Sistema di allacciatura

Molto particolare, il sistema di allacciatura delle Mujin 6 è molto diverso da quanto si sia mai visto su modelli Mizuno,  qualcosa che non avevo mai visto prima in una scarpa da trail running.

Il sistema vede occhielli posti direttamente sul bordo della tomaia, altri cuciti più in basso, collegati anche al sistema dei layer di rinforzo: questo permette di avere maggior tensione nei punti più importanti per fornire al piede la sensazione di essere ben avvolto, stabilizzato all’interno.

Da notare anche il nastro di tessuto che compone l’occhiello superiore – sia a destra che a sinistra – non è cucito nella parte interna del bordo della tomaia, ma si allunga obliquo fino ad arrivare al bordo inferiore della tomaia, sotto la pianta del piede. Un ulteriore “meccanismo” che fortifica il sistema di allacciatura.

I lacci sembrano “grezzi”, studiati a posta per essere molto efficaci nel tenere l’allacciatura impostata. Ma sono lunghissimi, occorre fare un doppio fiocco!

La linguetta paralacci è molto spessa ed estesa lateralmente, e provvista di soffietti alterali che fasciano il piede.

 

Intersuola

Ed anche tutto il reparto intersuola è pensato per offrire il massimo comfort al passo, grazie a materiali che assicurano un elevato grado di assorbimento dell’impatto a terra, protezione contro le asperità del terreno, ed una struttura con differenziale tacco punta di ben 12mm che favorisce il passo rullato.

Con i suoi 30mm di spessore al tallone, non è la maxi più maxi, e non ha un approccio spugnoso al momento dell’impatto, ma un momento di impatto favorito dalla curvatura asimmetrica della pianta d’appoggio, ed un tipo di compressione solida e stabile. Il passo poi si svolge in maniera molto fluida e rilassante.

Nell’intersuola è presente anche il Wave, asimmetrico, progettato per offrire un supporto antipronazione. Ma è un Wave molto meno invadente rispetto a quello delle precedenti versioni.

 

Suola

La Mizuno Wave Mujin 6 è dotata di suola suola in gomma Michelin ultra resistente , che combinata alla tecnologia XtaGrip, garantiscono un grip efficace in ogni condizione.

I tasselli aggressivi e profondi assicurano trazione anche su fondi friabili e bagnati. Evitare superfici rocciose bagnate, cercare sempre lo “sporco”, per far prendere presa ai tasselli.

Suola Michelin per la Mizuno Wave Mujin 6
Suola Michelin per la Mizuno Wave Mujin 6

Il disegno del battistrada a livello dell’avampiede assicura maggior trazione in fase di spinta e le scanalature rinforzate ne aumentano la tenuta in discesa. A livello del tallone assicurano controllo e fluidità di rullata dal momento dell’impatto.

I tasselli perimetrali (quelli colorati in maniera diversa rispetto al corpo centrale) sono più morbidi e flessibili, si adattano meglio al profilo irregolare del fondo al momento dell’appoggio, per offrie miglior contatto col fondo, miglior controllo.

La piastra Mizuno Wave e la mescola in U4icX dell’intersuola permettono un appoggio fluido e molto confortevole  e stabile.

Conclusione

La Mizuno Wave Mujin 6 è una scarpa che segna parecchi grammi sulla bilancia, ma non risulta pesante durante il passo. Certo, non è la scarpa con cui scattare, con cui tenere ritmi di corsa sotto i 5’/km, o affrontare le discese tecniche in maniera aggressiva.

E’ una scarpa “passista”, indicata soprattutto per atleti pesanti, o con zaini belli carichi, e che procedono con ritmo adagio, che affrontano le discese con calma, anche solo camminando. In questa maniera risulta molto piacevole, sia per il mondo con cui approccia al fondo, sia per il modo con cui isola il piede dalle asperità. Una di quelle scarpe da portare ai piedi per giornate intere.

 

Dettagli tecnici
Peso: 380g (M) / 330g (W)
Drop: 12mm

Visita MIZUNO per vedere altre scarpe categoria trail running

 

Mizuno Wave Sky 3

Lascia un commento

avatar
2000
Foto e Video