Ed eccoci infine alla Topo Athletic Magnifly 3, altro modello di Topo Athletic che ho avuto il piacere di provare, e che è diventata una presenza stabile nel mio turn-over delle scarpe: la utilizzo nelle uscite dai 10 ai 15km a ritmo sui 5-5’15″/km nei giorni seguenti i lavori di corsa più intensa, quando imposto una corsa più rilassata, con passo corto e ben poggiato di mesopiede, dinamica favorita dall’impostazione 0 Drop dell’intersuola di questo modello.

All’inizio, il titolo di questo articolo era “Move Better, Naturally… e Comodi!”.

Ma successivamente alla stesura della bozza,  ho provato altre scarpe da running che hanno tutt’altra struttura e tipo di “ride”, e alle quali si può applicare con più merito l’aggettivo di “comodo”.

Perchè l’aggettivo “comodo” si può applicare a diverse caratteristiche di questo modello, ma non pienamente a quello che è il suo comportamento durante la corsa: la Magnifly 3 può risultare comoda, ma non per tutti.

Mentre può risultare

Easy vuol dire “facile”.

Ed anche “semplice”.

Ed anche… “comodo”!

E’ un termine più ampio, che secondo me si addice di più a fornire il profilo di questo modello.

Caratteristiche principali:

Peso:  285gr / 265gr versione donna   Differenziale tacco-punta  25/25mm

Intersuola

L’intersuola delle Topo Athletic Magnigly 3, per quanto “minimalista” nella geometria – col differenziale tacco/punta di 0mm – non rinuncia ad essere “comoda” e dinamica, grazie ad una costruzione a due strati di gomma Eva a diversa densità.

Lo strato superiore, quello sotto al piede, è fatto con una gomma morbida che garanstisce al piede il comfort durante il passo.

Lo strato inferiore è costituito da una gomma più densa che fornisce un giusto grado di risposta all’impatto e propulsione di spinta che riesce a favorire anche una corsa lenta, ma  leggera e a suo modo dinamica: quel tipo di corsa a passi brevi e svelti del jogging.

L’intersuola presenta, sotto al tallone, una conca di “attenuazione” della caduta che permette di appoggiare anche di tallone, evitando così un impatto diretto col fondo;  ma il livello di compressione fornito dalla gomma non è finalizzato alla funzione ammortizzante di un passo effettuato in maniera pesante con appoggio di tallone.

La Topo Athletic Magnifly 3 è una scarpa che, con la sua geometria 0 Drop, cerca di promuovere un passo più naturale senza per questo ridurre il comfort di marcia.

Un passo “più naturale” significa  un passo – e una falcata – che comporti l’appoggio a terra del piede – dopo il momento di “volo” – sulla zona mediale, e non col tallone (come avviene col passo “rullato”)

Carattere “EASY”

Da quanto detto, risulta che la Topo Athletic Magnifly 3 non è una scarpa capace di fornire l’ammortizzazione necessaria per proteggere il tallone da un pesante impatto a terra nel caso del passo rullato.

I 25mm di gomma sotto il piede non sono ideati per ammortizzare l’impatto a terra, ma per fornire al corridore una comoda piattaforma che aiuti / faciliti il piede durante la corsa di tipo “naturale”, come non avviene nelle Topo Athletic ST-3, modello con intersuola a 0 Drop, ma che, con i suoi soli 16mm di spessore, risulta essere una scarpa molto più integralista nel promuovere il gesto barefoot,  molto più coinvolgente per il piede nella dinamica della corsa. E, proprio per questo,  più impegnativa, più stancante. Specialmente allungando le distanze.

Per questo motivo penso sia giusto dire che questa scarpa promuove un “movimento migliore, naturale”  in maniera EASILY.

E anche più facile  nel senso che la presenza di un intersuola strutturata può comunque “perdonare” un gesto non propriamente corretto in tal senso, purchè, appunto, sia un gesto veloce e leggero, che non lento e pesante.

E permette più facilmente di affrontare medie e lunghe distanze, non stancando troppo il piede.

Tomaia

La sensazione iniziale e fondamentale di comodità offerta dalle Magnifly 3 è data da una tomaia che, sempre seguendo i canoni tipici di Topo Athletic, ha una forma che fascia il piede come un guanto, con una zona avampiede ampia che lascia libere le dita di muoversi, senza creare pressioni pressioni  in alcun punto.

 

La calzata risulta compatta sul piede, ben avvolto nella zona mediale della tomaia che, seppur costituito con un tessuto morbido, è ben strutturata: nonostante l’assenza di applicazioni sintetiche di rinforzo, anche quando non calzata,  mantiene la sua forma, non collassa come ad esempio quella della Zephyr,fatta con tessuto più fine e non rivestito internamente.

Il sistema di allacciatura, di tipo tradizionale, con lacci piatti, permette una tenuta efficace già calzando la scarpa appena tirata fuori scatola, sensa bisogno di stringere oltre.

La linguetta è ben conformata, discretamente imbottita, ben protettiva.

La seduta è resa piena stabile e comoda da una soletta interna rimovibile della Ortholite- altro standard qualitativo tipico di Topo Athletic.

Il contrafforte tallonare  presenta un inedito tipo di collarino, sia per materiali costituenti, sia per la forma, più ampia aperta rotonda,  non rastremata come quella delle Topo Athletic Zephyr, o “chiusa”  sul piede – causa abbondanti imbottiture- della Topo Athletic Phantom.

E’ si presente una conchiglia strutturale all’interno contrafforte tallonare, ma è fatta con un materiale flessibile che non stringe il piede, sia da fermi che durante la corsa: normalmente, quando torno a correre con scarpe “conchigliate” dopo precedenti uscite con modelli “barefoot”  – come le Topo ST-3 o le Merrell Trailglove – riesco a percepire e a volte anche soffrire la presenza delle conchiglie rigide al tallone.  Con queste Magnifly 3 non mi è successo.

Calzando la Magnifly 3, sembra di avere ai piedi una pantofola.

Suola

La suola delle Topo Athletic Magnifly 3 ripropone lo schema degli altri modelli Topo, con cuscinetti di gomma più dura a ricoprire le zone più sottoposte a contatto col suolo, a garantire una lunga durata d’esercizio: ho fatto più di 1000km con le Topo ST-2 – modello più minimalista e quindi soggetto a maggior carico durante il passo, e quindi maggior usura:  c’è da aspettarsi che nella Magnifly 3 duri di più!

Conclusioni

La Topo Magnifly 3 è una scarpa comoda da indossare, adatta a corridori leggeri, o comunque in forma, per correre a ritmi tra i 4:45-5:25/km, con passo costante con appoggio di mesopiede, oppure lenti con passo corto ad alta frequenza, sempre con appoggio di mesopiede, su distanze fino alla mezza maratona, da fare in maniera rilassata.

Un modello che incarna il concetto “Move Better, Naturally” e lo rende più facile.