PCA Affinity

La Transpelmo, evento di trail running che si svolge in Val di Zoldo (Belluno) e che era in programma il 6 settembre, quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid -19 si è svolta solamente in modalità individuale, attraverso l’iniziativa che abbina reale e virtuale (utilizzando Strava), denominata Transpelmo 2020 Challenge & Emotion.

Una sfida di emozioni che ha visto protagoniste un centinaio di persone, di diverse fasce d’età, italiane e straniere, che hanno percorso i tre tracciati proposti, postando poi sui social immagini e impressioni. Accanto al percorso tradizionale attorno al Pelmo, 16 chilometri di sviluppo e 1300 metri di dislivello positivo, denominato Classic, il  comitato organizzatore ha proposto il percorso Reloaded, di 13 chilometri di sviluppo e 1200 metri di dislivello positivo che segue il sentiero Tivàn, ai piedi del Monte Civetta, e l’Infinity, 30 chilometri di sviluppo e 2500 metri di dislivello dati dalla somma di Classic e Reloaded.

Particolare interesse ha riscosso il percorso Classic: è stato infatti inserito tra i Golden Strava Segment e consentirà ai due vincitori di partecipare gratuitamente al Golden Trail Championship proposti da Salomon alla Azzorre dal 29 ottobre all’1 novembre.

Ad aggiudicarsi i due “Golden ticket”, biglietto che garantisce al runner vincitore il pettorale gratuito, voli, alloggio e pasti in un hotel convenzionato con l’organizzazione in occasione della Golden Trail Championship, sono stati l’azzurro della corsa in montagna Francesco Puppi (Team Nike) e la slovena Ana Čufer (Team Salomon Slovenia).

Puppi, che ha realizzato la sua prova lo scorso 30 settembre, ha portato a termine la propria fatica in 1h43’30”. Il friulano Tiziano Moia ha fatto registrare il secondo riscontro cronometrico, chiudendo in 1h44’21”. Un atleta trentino sul terzo gradino del podio: Daniele Felicetti, in 1h45’28”. A completare la top five, nell’ordine, Luca Carrara (1h48’22) e Alex Oberbacher (1h48’47”).

Dominio di Ana Čufer nella classifica in rosa: l’atleta slovena ha corso in 2h03’59”, precedendo la valtellinese, azzurra della corsa in montagna, Elisa Sortini (2h08’11”) e la bellunese Giulia Pol (2h33’43”). Nella top five anche Linda Tommaselli (2h55’08”) e Maria Roncelli (3h29’06”).

«Siamo davvero soddisfatti, sia per la partecipazione sia per il livello tecnico» commentano Eris Costa e Andrea Cero, coordinatori dello staff organizzativo di Transpelmo. «A correre su e giù per i nostri sentieri abbiamo avuto atleti di indiscusso valore nazionale e internazionale, provenienti da Italia, Germaniae Slovenia. Si sono sfidati da fine luglio fino all’1 ottobre, anche con condizioni meteo avverse e neve sul percorso. Dobbiamo ringraziare Salomon che ci ha scelti, unico evento italiano insieme al Bettelmatt Trail della Val Formazza, per ospitare il Golden Segment: un attestato di stima per quanto fatto negli anni e una bella opportunità di promozione del nostro bellissimo territorio dolomitico. Il tutto, è una bella iniezione di fiducia per il 2021, l’anno che, lo speriamo con tutte le nostre forze, torneremo a correre la Transpelmo tradizionale».

In questi giorni, i volontari di Transpelmo sono sul percorso per recuperare il materiale di segnalazione. «Transpelmo è un evento green» dicono Cero e Costa. «Il rispetto per il territorio è una delle nostre priorità».

www.transpelmo.com