PCA Affinity

La Brooks Adrenaline GTS 21 è la versione “stabile” della Brooks Ghost 13: una daily trainer, una scarpa da allenamento quotidiano, dotata di un intersuola con tecnologia – GuideRails- capace di reallineare, in maniera personalizzata, l’eventuale iper pronazione del passo.

Iper pronazione che può dipendere non solo dalla morfologia del piede, dal ginocchio, di tutta la gamba, dal rapporto dei movimenti tra piede-ginocchio-anca…

“Eventuale” perché non è detto che uno soffra costituzionalmente di iper pronazione, ma questa può presentarsi in diversa misura in determinate occasioni: ogni persona ha la sua proprio morfologia, il proprio stile di corsa, e persino una persona che durante un test d’appoggio può presentare un profilo neutro del passo, ecco che dopo un determinato tempo trascorso a correre – causa stanchezza del momento o accumulo pregresso di stanche, che determina una perdita di efficienza del gesto – si presenta uno scompenso che può causare  il presentarsi di un iper pronazione del passo, magari anche ad un solo piede!

Brooks Adrenaline GTS 21 guide rails

Guide Rails

La tecnologia GuideRails introdotta nella Brooks Adrenaline nel 2019 è capace di fornire un livello di supporto che contrasta questa iper pronazione adeguato alla intensità della sua manifestazione.

Trattasi di due strutture in gomma poste ai lati del piede, chiamati BUMPER, la cui funzione è di reallineare il piede quando si verifica uno spostamento dell’asse d’azione rispetto a quello che dovrebbe essere la linea ideale di svolgimento del passo.

E’ una tecnologia perfetta: c’è quando serve, ma quando non serve è come se non ci fosse.

Ma c’è di più in questa a Brooks Adrenaline GTS 21, che fornisce stabilità del passo.

Caratteristiche:

Peso: 296gr / 256 gr versione femminile

Differenziale tacco-punta: 12mm (28,5mm al tallone 16,5mm all’avampiede)

 

 

Intersuola

Se il GuideRails è rimasto lo stesso della versione precedente (è cambiata la tecnologia costruttiva, ma è un particolare che possiamo ignorare, ci interessano i risultati) c’è un importante cambiamento in questa versione della Adrenaline, che riguarda proprio tutta l’intersuola.

Un cambiamento che segue quanto già avvenuto nella Brooks Ghost 13: la porzione di gomma DNA Loft, che prima si limitava solo alla parte del crashpad, adesso si estende a tutta lunghezza sulla parte esterna dell’intersuola.

 

Questa struttura asimmetrica di gomme a diversa densità, più dura la BIOMOGO nella parte interna, più morbida la LOFT in quella esterna, comporta l’avere una piattaforma di appoggio leggermente più rigida e reattiva nella parte interna, capace già di compensare un eventuale squilibrio di carico verso l’interno del piede dal momento dell’appoggio.

E comporta anche che la parte esterna, più morbida, rende più comodo il normale carico del passo, dal momento in cui si impatta a terra con la parte esterna del tallone, al conseguente estendersi della rullata, che avviene – con naturale pronazione – più caricato sulla zona esterna.

Ed infine, nel momento in cui questo “giro” del passo porta il carico a spostarsi verso la parte interna dell’avampiede, ecco che ritroviamo il BioMoGo, composto più reattivo, che nel momento della spinta fornisce una piattaforma più pronta nel ricevere la forza impressa e nel rendere più efficiente lo slancio.

Brooks Adrenaline GTS 21
Brooks Ghost 13 Vs Brooks Adrenaline GTS 21

Tutte queste soluzioni tecnologiche sapientemente miscelate, rendono la Brooks Adrenaline GTS 21 un ottima scarpa nell’accompagnare il passo veloce di un corridore in forma, evoluto, o anche di un principiante in buono stato fisico, che necessità di una scarpa solida, reattiva, che risponde bene allo sforzo impresso.

Ma anche comoda, capace di assorbire in maniera efficiente il momento di impatto di tallone, non in maniera dolce nel contatto a terra ma ben ammortizzante per quanto riguarda la pressione della caduta, senza risultare floscia da “soffocare” il movimento. Solida, ferma nel comportamento durante il contatto a terra, ma comoda sotto al piede.

Brooks Adrenaline GTS 21
Brooks Adrenaline GTS 21 Vs Brooks Ghost 13

Un intersuola che ben risponde alle esigenze del “Soul Runner”, quel tipo di corridore che vuole mettersi ai piedi una scarpa e pensare solo a godersi la corsa, ho guardare il cronometro per vedere se rispetta la tabella di marcia del suo allenamento.

 

 

Tomaia

La tomaia della Brooks Andrenaline GTS 21 ha molto in comune con quello della Ghost 13, per quanto riguarda forma, struttura del contrafforte tallonare, imbottiture: è una scarpa che ti accoglie molto bene il piede, già nel momento della calzata lo senti scivolare bene all’interno, e senti la scarpa vestire in maniera comoda e solida, ben fasciante ma lasciando il piede immerso in un senso di agio.

Il tessuto di cui è fatta la tomaia mi sembra essere più fine rispetto a quello della Ghost 13, allo stesso tempo più resistente. Ed arioso: ho calzato una Adrenaline ed una Ghost, sono andato in macchina ed ho accesso l’aria del sistema di ventilazione con massimo getto verso i piedi: con la Adrenaline ho percepito più velocemente i cambi di temperatura del getto d’aria, rispetto alla Ghost.

Oltre ad essere più ariosa, sembra anche avvolgere il piede in maniera più compatta intorno alle dita, senza pressioni.

Ed allo stesso tempo dare un maggior senso di leggerezza su tutto il piede.

Brooks Adrenaline GTS 21 tomaia

La soletta presenta una conformazione molto elaborata, specie sotto l’arcata del piede, con bordi rialzati per fornire maggior contenimento alla seduta del piede.

I lacci sono in tessuto, morbidi, molto diversi da quelli piatti della Ghost 13: sinceramente li preferisco, già al solo tatto, nell’operazione di allacciatura.

Oltre ad essere più piacevoli, mi sembrano tenere meglio una maggiore tensione d’allacciatura, scaricando meno la pressione sul dorso del piede, comunque ben protetto da una linguetta para lacci solidamente imbottita.

Così come per l’intersuola, anche nella tomaia si fa vivo il carattere di “Soul Runner” nella sua capacità di farti sentire bene, sicuro, senza darti pensieri una volta allacciata.

 

Suola

La suola della Brooks Adrenaline GTS 21 è identica a quella della precedente versione, stessi materiali, stessa disposizione dei cuscinetti, solo un diverso design dei singoli tasselli.

Brooks Adrenaline GTS 21 suola

La disposizione dei cuscinetti leggermente differente a quella della Ghost 21, con minor estensione del tacco nella parte interna e un segmento mediale interno più lungo a irrigidire la zona dove si ha l’eventuale maggior carico dovuto alla iper pronazione.

 

Conclusioni

La Brooks Adrenaline GTS 21 rappresenta in pieno la risposta a quel profilo di “Soul Runner” che vuole correre senza pensieri: una scarpa affidabile, adeguatamente ammortizzata per un corridore già evoluto, o comunque atleta in buona forma fisica, che vuole procedere ad un passo svelto, che vuole alternare ritmo e falcata, a seconda della sua scheda di allenamento, su brevi e medi distanze, anche collinari. Uscarpa tutto fare, molto comoda da indossare.

Col fatto poi di essere dotata di una tecnologia anti pronazione adattativa, diventa – ancor più della Ghost – la scarpa per il principiante, sia atleta di altro sport che vuole inserire la corsa nella sua routine, sia la persona che – comunque in buona condizioni fisiche – vuole iniziare a correre.

Un neo-corridore che ancora non conosce il suo passo – per cui persino il rivenditore che non lo conosce da tempo può dedurlo, anche dopo un esame del passo – e che con questa scarpa ha così il mezzo adeguato ad affrontare un eventuale squilibro del passo.

Si, proprio una scarpa daily trainer “Soul Runner”, che ti toglie le preoccupazioni e ti lascia godere della corsa!

Brooks Ghost 13 –  Recensione