PCA Affinity

venerdì 4 giugno, la 31^ edizione dell’evento abbinato al Trofeo Lattebusche: sarà la prima gara su strada Fidal a disputarsi in Veneto dallo scoppio della pandemia. Partenza e arrivo in Piazza Duomo. Primo start alle 20.15, secondo alle 21.30. Al via anche Salvatore Bettiol e il sindaco Mario Conte    

Ore di vigilia per la Corritreviso. Domani, venerdì 4 giugno, nel capoluogo della Marca va in scena la 31^ edizione della gara su strada abbinata al Trofeo Lattebusche. Sarà un evento a suo modo storico: Corritreviso è infatti la prima gara Fidal su strada a svolgersi in Veneto dallo scoppio della pandemia.

Si correrà, in tutta sicurezza, rispettando il protocollo organizzativo previsto dalla Federazione italiana di atletica leggera. In sintesi: obbligo di distanziamento interpersonale, igienizzazione delle mani, controllo degli accessi alla zona di partenza, mascherina indossata per i primi 500 metri di corsa.

Gli iscritti sono 650, provenienti un po’ da tutto il Nordest. Sarà la gara di tanti semplici appassionati – uomini e donne di tutte le età – che, dopo l’annullamento dell’edizione 2020, torneranno a cimentarsi in uno dei più classici appuntamenti di fine primavera. Ma non mancheranno neppure atleti di valore nazionale.

In campo maschile, tornano al via le stelle di casa, Paolo Zanatta e Simone Gobbo, entrambi portacolori di Trevisatletica: il primo ha già vinto la gara nel 2013 e nel 2015, il secondo nel 2016, ed è stato l’ultimo atleta di Marca a trionfare sul traguardo di Piazza dei Signori. Lotteranno per un piazzamento di rilievo anche Stefano Ghenda (Trevisatletica), Tobia Beltrame (Trieste Atletica), Peter Lanziner (Suedtirol Team Club), il giovane Andrea Mason (Silca Ultralite), Michael Hofer (SV Dorf Tirol), Georg Premstaller (DLF Sarntal) e Omar Zampis (Assindustria Sport).

Tra le donne, riflettori puntati su Laura Dalla Montà (Assindustria Sport), specialista dei 3000 siepi, reduce dalla prima chiamata in azzurro in occasione degli Europei a squadre di Chorzow. Da seguire inoltre Laura Biagetti (Gs Lammari), ottava agli ultimi campionati italiani assoluti dei 10.000 a Molfetta, Beatrice Scarpini (Montello Runners Club), vincitrice della Mezza di Treviso del 2019, e l’atleta d’origine capoverdiana Sonia Lopes (Boscaini Runners).

La Corritreviso della ripartenza avrà al via anche alcuni ospiti d’eccezione: l’ex maratoneta azzurro Salvatore Bettiol, classe 1961, icona del movimento podistico trevigiano (due partecipazioni olimpiche, secondo alla maratona di New York nel 1988 e di Londra nel 1990), al ritorno, per pura passione, in una gara federale ad una decina d’anni dall’ultima volta. Sarà al via anche l’altoatesino Hermann Achmuller, protagonista in diverse Treviso Marathon degli esordi. Annunciati inoltre il sindaco di Treviso, Mario Conte, e il collega di Preganziol, Paolo Galeano, che sarà accompagnato dall’assessore Riccardo Bovo (entrambi sono tesserati per la società organizzatrice Asd Corritreviso).

Il tracciato avrà uno sviluppo di 2,6 km, interamente in centro storico, e gli atleti dovranno percorrerlo per quattro volte, sino ad arrivare ad una distanza complessiva di 10,4 km che sarà la medesima per tutte le categorie.

Partenza e arrivo saranno in Piazza Duomo. Corritreviso lascia così temporaneamente la tradizionale cornice di Piazza dei Signori, dove gli spazi sono più ristretti e la gestione del protocollo organizzativo previsto dalla Federazione in materia di contenimento del Covid-19, sarebbe risultato meno agevole.

Si correrà di sera, come da alcune stagioni a questa parte, ma senza il prologo delle gare giovanili. Alle 20.15 partirà la gara femminile per tutte le fasce d’età, in abbinamento ai master delle categorie SM50 e successive. Alle 21.30 toccherà alle restanti categorie maschili, settore assoluto compreso. Spettacolo garantito, con l’aggiunta del fascino della ripartenza.