La Asics Magic Speed è una scarpa che si inserisce nella categoria delle “piastrate” (scarpe dotate di una piastra in carbonio o altro materiale inserito nell’intersuola) ma lo fa in maniera distintiva – come anche lo è a suo modo nella Asics Metaracer – perchè non ha una piastra che si estende a tutta lunghezza, ma solamente nella parte anteriore. Ed anche il comportamento è molto differente.

Caratteristiche:

Differenziale 5mm (34mm-29mm)
Peso: 235gr taglia Us 9
Intersuola in gomma Flytefoam Blast con piastra in carbonio nella parte anteriore, tecnologia Guidesole
Tomaia in mesh monostrato
Soletta interna non rimovibile

 

Tomaia

La tomaia della Asics Magic Speed è costruita con un mesh particolare, alla vista ha un effetto quasi magico, perchè sembra essere costituito da due strati: una struttura a rete interna ed uno strato trasparente esterno.

Asics Magic Speed Tomaia
E’ un tessuto ben strutturato, che ha una sua rigidità, e che veste il piede i compattando le dita del piede, ma senza pressioni.

Il tessuto non offre quella sensazione di avvolgere comodamente il piede, ma trasmette una sensazione più rude da scarpa racer.

Per risparmiare grammi, la linguetta para lacci è ridotta uno strato di tessuto mesh molto fine, che non è collegato alla tomaia.

Asics Magis Speed linguetta
Anche il contrafforte tallonare è costruito “al minimo”, ben strutturato e molto minimalista, da scarpa racer, con giusto delle imbottiture perimetrali sotto al collarino, per chiudere sul piede, poco sotto la caviglia, e dare stabilità di tenuta scarpa-piede.

Asics Magic Speed talloniera
Sempre per risparmiare grammi, anche la soletta interna è fissa.

Intersuola

Di solito le scarpa piastrate hanno un intersuola molto spessa e molto “rimbalzante”.
La Asics Magic Speed, per quanto spessa, non è caratterizzata da quel tipo di comportamento.

E questo nonostante il materiale dell’intersuola sia il FlyteFoam Blast, composto usato nella Novablast, scarpa che fa del rimbalzo la sua forza dinamica, che la rende molto divertente, ma ne limita l’uso ad uscite brevi e veloci, per la sua poca stabilità se si vuole procedere a ritmi lenti su medie distanze.

L’intersuola della Asics Magic Speed è fatta con un FlyteFoam Blast diverso, più denso, che non ha tutta quella “escursione” nelle fasi di compressione-decompressione che spingono il piede. E non è affatto molle nel contatto a terra. Non c’è certo tanta compressione, ma, anche grazie alla particolare curvatura d’attacco al tallone, l’atterraggio – a velocità sostenute – è presino piacevole.


La Asics Magic Speed è una scarpa molto più ferma nel comportamento, ben stabile. Anche confortevole, ad alta velocità.

E questa stabilità e prontezza di risposta è necessaria per fare in modo che il passo possa sfruttare la funzione della piastra in carbonio inserita nella zona dell’avampiede.

Il comportamenteo della Asics Magic Speed è più simile a quello della Saucony Endorphin Pro, che non a quello delle varie Nike. Giusto un po più dura nel contatto a terra, un po per il materiale più denso, un pò per la suola, molto consistente.


Il piede appoggia a terra in maniera stabile, scivola via molto bene grazie alla capacità reattiva dell’intersuola, e prende il volo favorito dalla curvatura della pianta d’appoggio e dalla rigidità che si ha nella parte anteriore, dove è situata la placca.


Toccando la parte anteriore si sente proprio che è molto rigida. Nel momento in cui si poggia terra la zona anteriore, si ha come la sensazione che ci sia un cucchiaio sotto al piede, che ruota, accompagnandolo nella fase di spinta.

Un sensazione che quasi disorienta, da fermo, ma che, andando in velocità, tende a sparire, fornendo al piede una leva che lo aiuta nello stacco.

Conclusioni

La Asics Magic Speed è una scarpa adatta a lavori di velocità, ad atleti evoluti per gare su brevi e medie distanze da tirare, o runner in evoluzione che vogliono una scarpa dal comportamento solido ed efficiente per iniziare a spingere su brevi distanze e trarre il massimo dalla propria programmazione d’allenamento.

Una daily trainer per chi corre con facilità sotto i 4’/km, più confortevole di una pura racer, e meno affaticante per il piede grazie alla tecnologia della piastra.