PCA Affinity

A meno di un mese dalla gara è arrivata la notizia che il comitato organizzatore aspettava con ansia: una rappresentanza della Nazionale Giovanile di Skyrunning userà i sentieri del Monte Barro per allenarsi in vista dei mondiali. La gara si svolge il 17 e 18 luglio e propone 4 formule: Zenvertik, Zensky, Zenfun e Zendouble. Presenti il nuovo presidente FiSky Fabio Meraldi, parte del consiglio, Moreno Pesce con il team paralimpico 3 gambe

Alla Barro Sky Thenite 2021
Arrivata alla sua sesta edizione, la gara che parte da Sala al Barro nel lecchese, vero e proprio polo logistico della competizione, ha deciso di rinnovarsi e di farlo in grande. Nata come un appuntamento per correre in notturna sui sentieri che dominano il lago di Como (ramo lecchese)
da un lato e i bacini di Annone e di Pusiano dall’altro, la gara si è evoluta negli anni fino a diventare un appuntamento fisso del mese di luglio. La location posta a pochi chilometri dalle città di Milano, Lecco e Como la rende particolarmente accessibile e comoda per chi proviene da queste città, così come dalla vicina provincia di Bergamo. I percorsi, impegnativi ma non troppo lunghi, tecnici ma non estremi, richiamano sia runner esperti che la affrontano alla ricerca del risultato sia neofiti della disciplina che trovano in questa competizione il giusto mix di ingredienti per approcciarsi ai sentieri del Monte Barro.

Organizzata da un gruppo di amici e associazioni rappresentate dal vulcanico ed eccentrico Matteo Mazzoleni, è patrocinata dai comuni di Galbiate e Malgrate, dal Parco del Monte Barro e dalla FiSky. La grande novità del 2021, che arriva insieme al sostegno della FiSky, è la partecipazione di un gruppo di atleti della Nazionale Giovanile di Skyrunning che utilizzeranno la competizione come lavoro di rifinitura in vita dei Campionati del Mondo Giovanili che si terranno dal 30 luglio al primo agosto al Gran Sasso. Saranno 15, per l’appunto, gli azzurri che faranno girare le gambe sui tracciati della Zenvertik o della Zensky. 

“Come prima cosa vorrei esprimere la mia gratitudine e un forte ringraziamento a tutte le persone, aziende, associazioni ed enti, nonché agli amici, che hanno creduto in questo progetto sostenendolo fin dall’inizio. Senza di loro e senza l’energia positiva che è scaturita da questo progetto, tutto ciò non sarebbe certo stato possibile. Con molta fatica e tanto lavoro siamo arrivati fino a qua. Quello che è stato raggiunto non è un punto di arrivo ma una nuova partenza. Vogliamo promuovere lo sport, la natura e il nostro territorio, amiamo ciò che facciamo e lo facciamo col cuore, sono quindi convinto che siamo sulla strada giusta affinchè l’evento diventi sempre più importante e significativo per il nostro territorio” – ha commentato l’organizzatore Matteo Mazzoleni. 

Le gare 

Zenvertik : 3.8 km, 680 metri D+
Zensky:  17 km, 1680 metri D+
Zenfun (è la gara dedicata ai più piccoli):

0 – 4 anni: 400 metri

5 – 9 anni: 800 metri

10 – 12 anni: 2.8 km, 190 metri D+

13 – 15 anni:  2.8 km, 190 metri D+
Zendouble (gara a coppie in cui ogni binomio è composto da un normodotato + un atleta disabile):

2.8 km, 190 metri D+

 

Molto più di una gara
Da quest’anno la Barroskythenite si arricchisce di due eventi che daranno ancora più valore alla manifestazione: una mostra fotografica e la presentazione di un libro. L’obiettivo di entrambi gli eventi è quello di descrivere, nel primo caso attraverso gli scatti fotografici, nel secondo atraverso le parole dell’autrice Giulia Ferrari, i momenti salienti e le emozioni di questo evento che da anni anima i sentieri del Monte Barro e porta centinaia di appassionati a battagliare a due passi dal cielo. 

In questo libro, che mi ha richiesto oltre un anno di lavoro, ho raccolto la testimonianza di svariati personaggi che riuscissero a descrivere al meglio le amozioni vissute da concorrenti ne organizzatori, da amici della manifestazione e dai volontari che in tutti questi anni si sono impegnati per lasciare la loro impronta. Siamo fiduciosi e ci crediamo – queste le parole dell’autrice.  

La sicurezza al primo posto 

In tempo di pandemia, la gara ha dovuto trovare delle strategie per garantire agli atleti di partecipare in sicurezza. Tra le numerose precauzioni messe in atto il piano di sicurezza omologato, partenza singola e cronometrata per quanto riguarda la gara vertical e distanzamento + obbligo di mascherina per il primo chilometro per le altre gare. Ogni partecipante dovrà inoltre avere un bicchiere personale per i ristori. Quest’ultima scelta, oltre ad essere una precauzione anti-covid, verrà mantenuta anche nei prossimi anni al fine di rendere la gara sempre più green e rispettosa dell’ambiente. 

Sostenitori: Sky Lario team, team Barro Sky al Fosk, Gruppo Alpini di Galbiate, Vivi Sala, Associazione Arcobaleno, La vecchia quercia, Associazione Papa di Pescate, Ostello Monte Barro, Piragna della montagna, Proloco Malgrate, Amici della baita di Piansciresa.

Iscrizioni: www.kronoman.net
Sito: www.barroskythenite.it