PCA Affinity

Il direttore del Comprensorio Michele Bertolini ha fatto il punto dello sviluppo turistico degli ultimi mesi, in vista dell’evento di Ultra Running (24-26 Settembre) che chiuderà la stagione

La tempesta attraversata è stata di quelle dure, ma l’estate 2021 ha offerto al comprensorio Pontedilegno-Tonale una grande occasione per ripartire dopo la pandemia. Adesso tocca ad Adamello Ultra Trail chiudere in bellezza, dal 24 al 26 settembre, questa stagione di rilancio fra Alta Val Camonica e Alta Val di Sole, sui sentieri della Grande Guerra tra il Parco Naturale dell’Adamello e il Parco Nazionale dello Stelvio.

Credits: Giacomo Podetti

L’evento di Ultra Running è la punta di diamante della stagione estiva del comprensorio Pontedilegno-Tonale, per il quale l’offerta outdoor rappresenta un asset sempre più centrale, come spiegato dal Direttore Michele Bertolini: “L’estate è andata bene, siamo partiti un po’ a rilento a causa del maltempo ma poi abbiamo ingranato e agosto è stato un ottimo mese a livello turistico. Abbiamo avuto una grande presenza di italiani, che sono sempre più attratti da attività outdoor e dalla natura. L’e-bike è la tendenza del momento, così come tutto il settore della bicicletta tant’è che sono nati nuovi punti noleggio dedicati. Anche le ferrate stanno avendo grande successo, non solo quella storica del Sentiero dei Fiori ma anche quella realizzata più recentemente che coinvolge il Passo dei Contrabbandieri e il Rifugio Bozzi, due punti toccati anche dall’Adamello Ultra Trail e dai suoi sentieri”.

Sentieri che rappresentano da sempre il cuore pulsante non solo della gara ma di tutto il territorio dell’Alta Val Camonica e del Comprensorio: “Grazie ai volontari del comitato organizzatore di Adamello Ultra Trail e al CAI (Club Alpino Italiano) è stato possibile negli anni mantenere i sentieri in ottimo stato, garantendo ai tanti turisti della zona la possibilità di godere di viste e panorami mozzafiato. Ora, grazie al disegno di legge promosso Consigliera di Regione Lombardia Claudia Carze rivolto proprio a valorizzare i sentieri e le strade storiche di montagna a interesse storico, culturale e turistico, la qualità dei percorsi sarà ancora maggiore”.

Gli oltre 600 atleti iscritti sulle tre diverse distanze (170 km e 11.500 mt D+, 90km e 5.700 mt D+, 35km e 1.700 D+), sono pronti a darsi battaglia sui continui saliscendi della gara, fra natura incontaminata e paesaggi mozzafiato. Una prova che lo stesso Direttore del Comprensorio ha anche affrontato in prima persona nel 2017 sulla distanza regina di 170 km (26° posto assoluto in 45 ore, 18 minuti e 16 secondi, ndr): “L’importante per noi è che a vincere sia il territorio, con la visibilità internazionale e un importante flusso di prenotazioni anche in questo periodo, e in questo senso Adamello Ultra Trail è sempre una garanzia.”

Credits: Museo della Guerra Bianca in Adamello