PCA Affinity

La Topo Athletic Phantom 2 cambia completamente rispetto alla versione precedente, mantenendo comunque quelle caratteristiche base progettuali tipiche di Topo Athletic.

La precedente versione aveva un carattere molto particolare, poteva essere usata come scarpa da allenamenti tranquilli come anche scarpa con cui correre in scioltezza una maratona in 2ore e 30minuti.

Questa versione mantiene, anzi migliora, le caratteristiche di vestibilità e acquista un carattere più definito, tipico da A3: scarpa che garantisce comfort e protezione a ritmi tranquilli.

 

Caratteristiche:

Peso: 289gr tg US9/ 238gr versione femminile
Differenziale: 5mm, 33mm al tallone 28mm all’avampiede (inclusa soletta di 5mm)
Intersuola : Struttura in EVA con inserto ZipFoam a minor densità a tutta lunghezza sulla parte alta sotto al piede
Tomaia: con soletta rimobivile Ortholite

 

Tomaia

La tomaia della Phantom 2 è molto differente a quella della precedente versione, e l’adozione della nuova struttura portante al contrafforte tallonare, introdotta con le Ultrafly 3, ha migliorato parecchio il modo in cui questa zona avvolge il piede.

 

Contrafforte tallonare

La struttura del contrafforte tallonare è ben strutturata, con una conchiglia esterna in TPU che era presente anche nella precedente versione, ma ridimensionata, meno invasiva e che così permetta una maggiore flessibilità di calzata al collarino.

Il collarino, che una volta allacciata la scarpa va “esteticamente” come a fondersi con la parte superiore della linguetta paralacci (ben disegnata e ben imbottita), fornisce una bella presa sul collo e sulla caviglia, senza fornire sensazione di “strozzare” il piede.

 

Avampiede

La zona anteriore ha la forma tipica Topo Athletic, ma in questo modello si sente che c’è molto più spazio intorno alle dita, ed anche sopra. E questo spazio è maggiore sia in confronto alla versione precedente, che in confronto a tutti gli altri modelli Topo Athletic.

La forma del puntale è più rotonda sopra le dita rispetto a quella della versione precedente dove, anche per la curvatura dell’intersuola, le dita dei piedi – in particolare l’alluce – andava a toccare il la parte superiore.

Tutto questo spazio non influisce assolutamente in senso negativo sulla tenuta della scarpa sul piede, sia per il modo in cui veste intorno al tallone, sia perché la zona mediale veste in maniera molto fasciante, che basta tirare un pò i lacci che veramente diventa un tutt’uno col piede.

Sottopiede

Ed importante in tal senso la soletta rimovibile Ortholite, profilata ergonomicamente, che riempie la seduta a fornire totale contatto scarpa-piede, che si sente in ogni parte.

Notevole poi il senso di comodità offerto sotto il piede, dove la presenza del cuscino interno in ZipFoam offre una sensazione di morbidezza anche solo camminando…

Calzata

Nella Phantom V2 si ha la stessa sensazione di indossare una pantofola, proprio come con le Magnifly, m con maggior senso di areazione del piede, rispetto a questa, grazie ad un tessuto più traforato.

 

Intersuola

La Topo Athletic Phantom 2 ha un intersuola completamente riprogettata rispetto al modello precedente, nelle forme fondamentalmente è una versione “maggiorata” di quella presente nella Cyclone: è costituita da un cuscinetto a tutta lunghezza in ZipFoam inserito sulla parte superiore della struttura in gomma EVA più rigida.

Dico “maggiorato” perché ha lo stesso differenziale tacco-punta di 5 mm, ma è ben più spessa di 5mm. Il che porta lo stacco da terra al tallone a 33mm.

Anche la superficie della pianta di appoggio è maggiore, molto più ampia soprattutto nella parte mediale. Questo conferisce maggiore capacità di scaricare a terra il carico dell’appoggio ed anche maggiore stabilità durante la distensione del passo, caratteristica più consona ad un uso a ritmo di corsa più lento ed ai corridori più pesanti.

 

Comportamento

La Topo Athletic Phantom 2 è una scarpa che rientra nella categoria A3, quindi il suo compito è quello di proteggere il piede, il corridore, durante la corsa.

E’ una scarpa che vuole fornire stabilità al passo, ha un contatto morbido a terra con l’intersuola al tallone che non scende tanto in compressione. Si sente il piede affondare, in maniera molto comoda, sul “cuscino” interno in ZipFoam, e si percepisce quasi un massaggio sulla pianta del piede durante tutta la fase di distensione.

Il momento dell’impatto non è proprio morbido/spugnoso, ma è ben assorbito. Eurante la rullata si percepisce anche un certo supporto, fornito dalla soletta interna e dalla tomaia, nella zona dell’arcata: ci si sente molto ben sostenuti dal tessuto, e si percepisce sotto il piede una specie di tocco morbido che “rallenta” la fase di collasso dell’arcata.

La Topo Athletic Phantom 2 ti porta avanti immerso nel confort, molto diversa dalla precedente versione, più rude nel vestire, e più reattiva, anche a basse velocità, specie se si correva con appoggio mediale, che quasi si rimbalzava in avanti.

La Topo Athletic Phantom prima versione ti permetteva di avere un passo leggero ed anche spingersi in accelerazioni ed avere un mezzo ben capace di supportare un passo veloce.

La Topo Athletic Phantom 2 invece è molto più rilassata e rilassante: non è fatta per scattare, per “saltare” dopo l’appoggio a terra. La Phantom 2 si sdraia sul terreno lasciando il piede avvolto in una nuvola di comfort

 

Suola

Nella Phantom 2 anche la suola è stata “maggiorata”, con gomma che ricopre di più il puntale – dove si notata un elevato consumo dell’intersuola esposta, nella versione precedente.

E l’intersuola è meno scavata nella parte mediale, fornisce maggior contatto a terra, cosa che probabilmente influisce ad aumentare stabilità e capacità di fluidificare il passo.

 

Conclusione

La Topo Athletic Phantom 2 è una scarpa “cruiser”: imposti il passo e vai, spensierato. E’ in tutto e per tutto una scarpa A3+, dal comportamento moderno, dalla calzata confortevole ed “elegante”, protettiva , stabile.

Adatta a lunghe distanze a ritmi sereni, ritmi tranquilli, anche per atleti molto pesanti.