PCA Affinity

Test effettuato da Claudio Maggi

Oggi vi presento una maglia termica della Oxyburn a manica lunga, la Multisport Cool Comfort Extreme.

Faccio una premessa: sono solito correre anche in inverno con capi molto leggeri, a volte una canotta sotto giusto per migliorare la sensazione di asciutto sulla pelle…l’idea di dover testare una maglia a maniche lunghe mi metteva un po’ “paura”.

Poi ho guardato meglio la scatola…oltre alla descrizione tecnica del capo (la parte a contatto con il corpo è in polipropilene Dryarn) e alla tecnologie presenti (Skintech, ExoSkeleton, Arborshield, Puretouch) noto una scritta centrale: “Range of use: +10°C / +40°C”…e penso…”se corro con questa a 40°C muoio”…però domenica ho un’uscita di 25km tranquilla e la temperatura dovrebbe essere abbastanza mite tra 12/18°C (normalmente sarei andato in maglietta J). Un’ottima occasione per vedere come si comporta.

Intanto ho la possibilità di apprezzarla prima del test. Al tatto morbidissima, sembra quasi velluto, nessuna cucitura e una modalità di taglio del collo assolutamente particolare. Alla fine delle maniche l’occhiello per il passaggio del pollice che permette di coprire bene la parte del polso. Veramente piacevole…anche esteticamente. 1-0.

Poi la sollevo un attimo per guardarla e il primo pensiero è: “qua dentro non ci entrerò mai se non strizzato…”…e invece appena la indosso la sensazione è di essere piacevolmente avvolto (tipo guanto fasciante) ma assolutamente non compresso. 2-0.

Guardandola meglio noto che sulla maglia Oxiburn Extreme sono presenti moltissimi fori per il drenaggio e la “ventilazione” e comincio a immaginarmi ad usarla in estate (ma questo sarà un test per la prossima stagione).

Veniamo alla prova sul campo della Oxiburn Extreme.

Mattinata leggermente ventilata, temperatura di partenza intorno ai 12/13°, previsti 25km con circa 1000d+. Decido di correre con un Vest per le poche cose da portare. Alla partenza i dubbi sul troppo caldo per una maglia a maniche lunghe sembrano materializzarsi quasi subito…dopo 1km circa ho la sensazione di avere caldo (abbastanza). 2-1. Cerco di non pensarci e vedere che succede e obiettivamente nell’arco di poco tempo la temperatura corporea sembra stabilizzarsi piacevolmente. Stabilzzarsi anche nel senso che non risente di passaggi sole/ombra e quindi caldo/freddo (3-1). Controllo con la mano e la maglia nonostante la corsa e la sensazione di calore sembra praticamente appena umida. Man mano che scorrono i km e la temperatura sale aumenta la consapevolezza che forse con questa maglia si può davvero correre anche con temperature “alte” perché è come se ti isolasse dal clima esterno nonostante il sudore. Durante il percorso il vento aumenta e se da una parte questo aumenta il rischio “frescata” dall’altra è un fattore che oggettivamente facilita il restare asciutti.

A fine corsa la sensazione sul petto e sui fianchi è assolutamente positiva nel senso di comfort e di livello di “asciuttezza” mentre sulla schiena – dove avevo il Vest – l’accumulo di sudore è risultato maggiore.

In seguito ho fatto altri test in giorni decisamente più caldi e più freddi (minimo 6°C) e devo dire che le sensazioni sono state sempre molto positive…quindi direi buona versatilità.

In conclusione direi che la maglia termica Oxyburn Extreme che è costruita con materiali e accortezze di alto livello, è sicuramente indicata per la mezza stagione (dove è facile incontrare cambi di temperatura) con un elevato livello di comfort e un’ottima gestione della temperatura/sudore.

VISITA IL SITO OXYBURN