NEW BALANCE FRESH FOAM MORE TRAIL V2 – modello massimalista che punta molto in alto

Nata per stupire sulle ultradistanze

Linea aggressiva per questa calzatura massimalista che alza il livello qualitativo rispetto alla versione precedente.
Completamente rinnovata in tanti aspetti e l’obiettivo è ben chiaro, stupire tutti i trailrunners che cercano massima ammortizzazione e protezione in una scarpa da trail, in modo particolare per le ultra distanze.

Lo stacco è veramente importante (cioè abbiamo veramente tanta roba sotto i piedi) ma la linea aggressiva con colori sapientemente combinati, poche cuciture sulla tomaia snelliscono alla vista questa voluminosa scarpa mentre l’aggiornamento con nuovi materiali e rinnovate tecnologie punta ad ottenere il massimo nelle prestazioni.

Le caratteristiche 

Il peso è di 330 g per la versione da uomo mentre 265 g per quello che riguarda la donna.

Differenziale di 4 mm su uno stacco di circa 30-34 mm.

NEW BALANCE FRESH FOAM MORE TRAIL V2

Appena aperta la scatola le ho già messe ai piedi per capire le prime sensazioni e devo dire che calza subito a meraviglia! Si regolano facilmente le stringhe e la tomaia avvolge molto bene il piede adattandosi anche al profilo un po’ basso del mio piede.
Non sono abituato ad avere questa distanza piede-terreno e mi sento veramente in alto, noto però fin da subito un’ammortizzazione eccelsa e anche una flessibilità che in altre scarpe della categoria non ho trovato.

Vediamo intanto le tecnologie adottate da New Balance.

SUOLA

NEW BALANCE FRESH FOAM MORE TRAIL V2

La suola è stata rinnovata, aumentando la tassellata ma soprattutto sostituendo il materiale precedente con quello Vibram.
Questa mescola si chiama Vibram XS Trek EVO ed è stato inserito per incrementare il grip e la resistenza all’usura.

INTERSUOLA

Composto dal materiale Fresh Foam X ovvero il più morbido di casa New Balance, è stato aumentato di spessore rispetto alla versione “1” per valorizzare ulteriormente l’ammortizzazione.


Costituito da un unico blocco di materiale, è stato lavorato in modo da avere zone di maggior resistenza nella parte interna e maggior flessibilità in quella esterna. Lo si può notare osservando la variazione dei volumi delle figure geometriche, all’esterno concave, all’interno sporgenti.

TOMAIA

Mesh traspirante con costruzione anti detriti. Puntale a protezione delle dita termosaldato e sul tallone una conchiglia semirigida per stabilizzare il passo.

NEW BALANCE FRESH FOAM MORE TRAIL V2

SOLETTA

Soletta interna removibile dall’ottimo ammortizzamento.

TEST

Avevo già utilizzato modelli da trail New Balance, dalle prime Leadville alle ultime versioni della Hierro ma era la prima volta per le Fresh Foam More Trail. Ho voluto macinarci un po’ di km per cercare di capire al meglio le potenzialità entrando nella mentalità del massimalismo.

Grip e terreno

NEW BALANCE FRESH FOAM MORE TRAIL V2

Questa calzatura ha un ottimo grip, devo dire che sia in condizioni di umido, sia in condizioni di secco, ghiaia o roccia, la tenuta è sempre stata ottima. Non è stata provata sul fango in quanto è più di due mesi che nelle mie zone non scende una goccia d’acqua, nonostante ciò consiglierei di prestare attenzione perché la tassellatura larga non è portata per affrontare in modo specifico questo terreno.
Ottima decisamente anche la resistenza all’usura, questo Vibram XS Trek Evo è veramente equilibrato nel rapporto tenuta-resistenza all’abrasione.

Ammortizzazione

La capacità di ammortizzamento di questa Fresh Foam Trail v2 è sicuramente al top di gamma della categoria, assicura massimo confort anche sui terreni più compatti e duri. Anche dopo tanti chilometri, viaggiamo sempre su un cuscino che ci protegge dall’impatto.
Il materiale restituisce anche un distinto livello di energia e questo ci permette di avere una falcata leggera e continuativa nonostante il peso della scarpa non sia della categoria “piuma”.
La pianta larga della scarpa contribuisce a distribuire bene il peso sul terreno.

Stabilità

Questa calzatura è in grado di affrontare diverse tipologie di terreno se evitiamo quelli molto tecnici e rocciosi.
Il materiale assorbe le asperità del terreno e quindi è dotata di una buona stabilità che però viene un po’ compromessa nei percorsi estremamente accidentati, l’alto stacco da terra non permette il controllo ottimale (es traversi).

Traspirazione e confort

Il mesh è traspirante e garantisce ai piedi un’ottima ventilazione, Dettaglio molto importante per chi vuole affrontare lunghe e lunghissime distanze. Rapida anche l’asciugatura dopo un bello splash nel torrente! Avvolge bene il piede fin da subito e non ho sentito nessun attrito fastidioso, anzi la linguetta è molto morbida e stabile, anche se serriamo le stringhe in modo netto prima di affrontare una discesa; stringhe che rimangono sempre ben serrate.

Considerazioni

La Fresh Foam Trail V2 è un prodotto progettato per macinare chilometri e chilometri ed è in grado affrontare in sicurezza diversi tipi terreni, la si sfrutta al meglio su percorsi misti, da quelli tecnicamente facili e corribili a quelli mediamente accidentati.
È una scarpa che permette di correre facilmente grazie anche al buon lavoro sulla flessibilità dell’intersuola, il ritmo che predilige è quello lento e costante. Ottima anche per le fasi di camminata.
Non è una scarpa leggera ed ha uno stacco da terra importante quindi sicuramente adatta a chi cerca confort e un appoggio soffice a discapito di chi chiede precisione, sensibilità e leggerezza (per quest’ultime necessità, New Balance offre altri prodotti).
Fresh Foam Trail v2 è robusta e resistente, può essere utilizzata anche dai runner un po’ più pesanti.

Questa calzatura dalla super ammortizzazione esce ad un prezzo di listino di 160€.

Alarico Toriselli
Istruttore tecnico di corsa