Caricamento Gare

TRAIL GRIGNE SUD  – Sui sentieri dei camosci.    
Il Trail delle Grigne Sud, quest’anno alla sua quinta edizione, porterà i runners alla scoperta della maestosità del versante meridionale delle Grigne.

L’evento si compone di due gare, che disegnano, a quote diverse, un arco dal centro di Mandello Lario (Lecco – Lombardia) e dalle acque del lago ai picchi all’ombra delle pareti della Grigna.

TGS EXTREME: “solo” 42 chilometri, ma 3.700 metri di dislivello positivo fanno la differenza e collocano la gara tra i percorsi in puro spirito trail alpino: ore e ore sulle gambe su e giù tra i monti. L’allenamento non basta, fondamentale è saper gestire le proprie risorse per tutta la lunghezza della gara. Il percorso sale dritto dal centro storico di Mandello fino allo Zucco Sileggio (1348 m) e prosegue un po’ scendendo, ma soprattutto ancora salendo fino a raggiungere la cima del Monte Pilastro, e la quota massima del percorso (1794 m). Si scende e un traverso in costa, tutto da correre, porta al rifugio Bietti-Buzzi (1704 m). Da qui in discesa fino all’alpe di Era (835 m), dov’è situato il primo cancello orario a 5 ore dalla partenza. Incomincia la seconda salita che, progressivamente, porta al Rifugio Elisa (1485 m). Si scende fino in fondovalle per attaccare la terza salita. In località di Versarico (720 m) è fissato il secondo cancello orario a 8 e un quarto. Si prosegue – molto ripido – verso l’ultima vetta: lo Zucco di Manavello (1025 m). La discesa finale, ripida nella prima parte e più corribile dopo, chiude l’arco fino a Mandello del Lario.

TGS SPRINT : Dopo aver lasciato il centro di Mandello del Lario (200 m) e aver proseguito verso la frazione di Somana, il percorso si separa da quello del TGS Extreme, piegando a destra per salire, passando dalla chiesetta di Santa Maria, all’alpe Era Bassa (822 m.) Da qui, la salita prosegue fino in Gardata (1020 m), dove il percorso si ricongiunge nuovamente a quello del TGS Extreme. Si traversa per raggiungere la località di Versarico (730 m) dov’è fissato il cancello orario a 4 ore dalla partenza. Inizia la seconda ripida salita verso l’ultima vetta: lo Zucco di Manavello (1025 m). La discesa finale, ripida nella prima parte e più corribile dopo, chiude l’arco fino a Mandello del Lario. Sviluppo totale : 22 km. – dislivello mt 1.800.